Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

I formaggi italiani conquistano il mondo

E' record per il made in Italy: secondo un'analisi della Coldiretti nel 2017 saranno superati i 400 milioni di chili di formaggio consumato all'estero

formaggi-formaggio-vari-tipi-by-lsantilli-fotolia-750.jpeg

L'analisi della Coldiretti si basa su dati Istat relativi ai primi sette mesi del 2017
Fonte foto: © Isantilli - Fotolia

Mai cosi tanto formaggio italiano è stato consumato all'estero come nel 2017: è stato infatti segnato un record storico con l'aumento del 7% in quantità rispetto allo scorso anno che ha portato a ben l'84% l'incremento delle spedizioni nel corso di un decennio. E' quanto emerge da un'analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi ai primi sette mesi dell'anno: per la prima volta nel 2017 saranno superati i 400 milioni di chili di formaggio made in Italy consumato all'estero.

La dimostrazione più eclatante del successo è il fatto che i francesi sono diventati i principali consumatori di formaggi italiani, con le esportazioni che sono raddoppiate (+94%) in quantità nel decennio. Oggi le esportazioni di formaggio made in Italy in Francia - precisa la Coldiretti - sono pari al doppio a quelle dei cugini d'oltralpe in Italia, che sono rimaste stabili nel decennio.

In realtà il formaggio made in Italy - continua la Coldiretti - ha conquistato molti paesi noti per la produzione casearia. In Olanda si scatena la "pecorino-mania", con un aumento degli acquisti del 77% rispetto allo scorso anno, ma se guardiamo al decennio le vendite sono quadruplicate nei Paesi Bassi. E il trend è positivo anche nella patria del formaggio coi buchi, l'Emmental, dove gli svizzeri hanno incrementato i consumi dell'8% nell'ultimo anno e del 22% nel decennio.
Allo stesso modo - prosegue la Coldiretti - nella Grecia della feta e della crisi, non si può ormai fare più a meno della mozzarella fresca, che cresce nel 2017 del 41% in quantità.

In realtà il formaggio italiano - precisa la Coldiretti - ha conquistato molti altri paesi e continenti, oltre alla Francia dove è diretto quasi ¼ del totale esportato (23%), la Germania che si colloca al secondo posto tra i principali clienti con il 14%, la Gran Bretagna con il 10%, gli Stati Uniti con il 9% e la Spagna (5%).
Ancora contenuta anche se in crescita è invece la presenza nei paesi asiatici come il Giappone con il 2% del totale esportato e la Cina con appena l'1%.

In cima alla lista dei formaggi italiani più richiesti all'estero ci sono il Grana padano ed il Parmigiano reggiano che in quantità rappresentano il 21% del totale esportato e che guidano la lista del 51 formaggi italiani che hanno avuto il riconoscimento dell'Unione europea come denominazione di origine (Dop/Igp) a partire dal Pecorino romano, dal Gorgonzola e dalla Mozzarella di bufala campana e che fanno segnare volumi importanti di esportazioni.

Non solo buone notizie però, perché i formaggi made in Italy più esportati purtroppo sono anche quelli più taroccati. Nel mondo le imitazioni del Parmigiano reggiano e del Grana padano hanno superato addirittura i prodotti originali, dal parmesao brasiliano al reggianito argentino fino al parmesan canadese e australiano e statunitense.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 16 novembre a 133.856 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy