Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Siccità, la Sardegna verso la declaratoria di stato di calamità

L'assessore regionale Pier Luigi Caria ha inviato al Mipaaf il testo per l'ok definitivo. Intanto si cercano altri 20 milioni di euro per risarcire tutti i comparti colpiti

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

agnelli-pecore-ovini-by-heebyj-fotolia-750.jpeg

E' legge l'intervento da 45 milioni di euro in favore del comparto ovino
Fonte foto: © heebyj - Fotolia

La Sardegna si avvia verso gli Stati generali dell'agricoltura che si terranno entro questo mese di ottobre ed il governo regionale prosegue il suo cammino lungo la roadmap tracciata insieme alle organizzazioni agricole ai primi di settembre.

Il 27 settembre 2017, su proposta dell’assessore dell’Agricoltura della Regione Sardegna, Pier Luigi Caria, la Giunta regionale della Sardegna ha votato la declaratoria, da inviare al ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali per attivare l’accesso delle imprese agricole sarde alle provvidenze del Fondo di solidarietà nazionale quale ristoro per i danni causati dall’eccezionale siccità di quest’anno.

“L’attività di accertamento in campo per la verifica dei danni agricoli – ha spiegato Caria – è già stata ultimata per quanto riguarda i pascoli e le produzioni foraggere delle aziende del comparto ovicaprino, mentre per le colture orticole, cerealicole, frutticole, viticole, olivicole, la produzione apistica e gli altri comparti della zootecnia, poiché l’evento non è ancora concluso, sono ancora in esecuzione le verifiche da parte dell’Agenzia Argea Sardegna”.

L’assessore Caria ha inoltre ricordato: “Una volta incassato il via libera dal parte del Mipaaf e stornate le risorse finanziarie regionali dall’assessorato della Programmazione verso Argea, potremo procedere e accelerare su tutte le procedure per la partenza del bando e i successivi accrediti ai pastori dei 45 milioni di euro stanziati per l’ovicaprino regionale. La legge che finanzia tali risorse infatti – ha concluso l'assessore – è entrata in vigore con la pubblicazione avvenuta sul Bollettino ufficiale della regione Sardegna il 22 settembre”.

Intanto la giunta sarda è ancora al lavoro per procurare i ristori per gli altri comparti pure colpiti dalla siccità.
"La Giunta, in collaborazione con il Consiglio regionale, si è impegnata a reperire ulteriori 20 milioni di euro da destinare al comparto bovino e agli altri settori agricoli colpiti dal perdurare della siccità – ha detto Caria - Troveremo tali risorse nel rimodulare i fondi del Programma di sviluppo rurale, attraverso finanziamenti nazionali e con la nuova stesura della legge finanziaria”.

Infine, sulla questione Lingua blu, per la quale Coldiretti Sardegna aveva chiesto di dispensare i vaccini ai bovini, Caria ha osservato: “I vaccini per i bovini non sono inseriti nei Livelli essenziali di assistenza, per questo l’assessorato della Sanità ha chiesto al ministero della Salute una deroga per poter vaccinare gratuitamente i nostri animali: adesso siamo in attesa della risposta da Roma".

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 12 ottobre a 132.621 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy