Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Sicilia, nuovo Cda all'Istituto sperimentale zootecnico

L'assessore Cracolici ha nominato presidente Vito Sinatra, capo della segreteria tecnica dell'assessorato e già commissario dell'ente. Pronta anche la terna del Collegio dei revisiori dei conti

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

cda-istituto-sperimentale-zootecnico29ago2017regione-siciliana.jpg

Da sinistra: Antonino Virga e Adriana Bonanno, componenti del Cda, l'assessore all'Agricoltura Cracolici, il presidente del Cda Vito Sinatra e Antonino Console, Direttore dell'Istituto Zootecnico

Dopo una gestione commissariale che andava avanti dal 2005 l’Istituto sperimentale zootecnico per la Sicilia torna ad avere il suo Consiglio di amministrazione. Ieri, 29 agosto 2017, l’assessore all’Agricoltura della Regione Siciliana, Antonello Cracolici ha presentato i tre componenti del nuovo organo di governo. Vito Sinatra, capo della segreteria tecnica dell’Ufficio di gabinetto dell’assessorato Agricoltura e commissario uscente dell’Istituto è stato nominato presidente. Gli altri due componenti saranno Antonino Virga, veterinario, dirigente servizio Sanità animale dell’Assessorato regionale alla Salute e Adriana Bonanno, docente di zootecnia speciale al dipartimento di Scienze agrarie dell’Università di Palermo. Il Collegio dei revisori dei conti sarà composto da: Giuseppe Pagano (presidente), Irene Pantano e Giuseppe Polizzotto.

L’Istituto sperimentale zootecnico per la Sicilia promuove attività di tutela, allevamento e sperimentazione sugli animali di interesse zootecnico e faunistico e gestisce l’unico centro regionale pubblico di produzione di selvaggina. Inoltre negli ultimi anni sono stati avviati progetti di ricerca sulla produzione di latte d’asina per uso pediatrico, in collaborazione con l’Ospedale pediatrico G. Di Cristina di Palermo ed attività di sperimentazione con l’Ismett (Fondazione Rimed) sull’affinamento delle tecniche di trapianto sui maiali per testare l’effetto dei farmaci utilizzati per contrastare il fenomeno del rigetto.

La sede centrale dell'Istituto si trova a Palermo ed ospita il centro direzionale, i laboratori e alcune strutture per l’allevamento del bestiame. Al personale dell’Istituto è stata affidata anche la gestione degli animali esotici che si trovano presso Parco d’Orleans. In provincia di Palermo a Campofelice di Fitalia opera una sede distaccata che ospita l’azienda sperimentale zootecnica che si occupa dell’allevamento di razze autoctone ovine, suine e bovine e della coltivazione dei campi per la produzione di foraggi, mentre a Messina si trova il centro di allevamento delle razze avicole siciliane. La pianta organica comprende 46 dipendenti dell’istituto, due dipendenti regionali e 30 lavoratori precari.

“Sono convinto che le professionalità scelte per la guida del nuovo Cda dell’Istituto zootecnico sapranno portare avanti il rilancio di questo ente – afferma l’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici - negli anni l’istituto ha gestito numerose sofferenze finanziarie: la nomina del Collegio dei revisori aiuterà a rimettere ordine nei conti”.

La decisione di nominare dirigenti interni all’amministrazione è stata una scelta strategica per riconnettere le sinergie con la macchina pubblica regionale e promuovere un modello di gestione economica che dia servizi e che intercetti nuove risorse, promuovendo l’assistenza e il trasferimento di conoscenze alle aziende del mondo zootecnico.

“Nell’ultimo anno abbiamo lavorato per stabilizzare gli equilibri finanziari e garantire la regolarità degli stipendi – ha sottolineato Cracolici, che ha aggiunto -. La Sicilia è tra le regioni più importanti nel settore zootecnico, ma molte aziende del comparto risultano ancora troppo frammentate e poco propense all’innovazione, ecco perché l’Istituto zootecnico può rappresentare un punto di riferimento per la crescita del settore”.

“L’incarico ricevuto richiederà certamente un particolare impegno per il rilancio della mission di questo storico ente – afferma il neo presidente Vito Sinatra - cercheremo di perseguire i compiti istituzionali previsti dallo statuto puntando soprattutto su un clima di collaborazione e di fiducia con tutti i lavoratori, senza perdere di vista l’efficienza finanziaria dell’ente. Valorizzeremo l’attività di ricerca e sperimentazione, attraverso forme di collaborazione con gli enti di ricerca e con le Università dell’area mediterranea”.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Regione Siciliana

Autore:

Tag: allevamento ricerca nomine politica agricola

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 21 settembre a 132.247 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy