Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Manutenzione prevista per il 22 agosto I nostri siti non saranno raggiungibili fra le 9 e le 13
Una Mano per i Bambini

Il latte versa soldi ai suini

Il "fondo latte" apre i sostegni al settore suinicolo. Lo prevede un recente decreto del ministero per le Politiche agricole. Tempi stretti per le domande. A disposizione 41 milioni di euro

Angelo Gamberini di Angelo Gamberini

latteversatosfondonero-artemtation.jpeg

Le domande vanno inviate a Ismea dal primo giugno al 30 dello stesso mese
Fonte foto: artemtation

Dal fondo latte, previsto inizialmente per dare sostegno ai produttori di questo settore, arrivano ora aiuti per i suinicoltori.
La decisione giunge con il decreto 5185 del ministero per le Politiche agricole, che ha introdotto le imprese suinicole fra i soggetti che possono beneficiare di questi sostegni.

I finanziamenti sono destinati alla copertura degli interessi pagati sui mutui bancari degli anni 2015 e 2016 e riguardano sia il settore bovino sia quello suino.
Solo nel caso degli allevamenti da latte i sostegni possono rivolgersi anche al finanziamento di investimenti.


I soldi

Entrando più nel dettaglio, il decreto indica in 6 milioni di euro le risorse per l'anno 2016 destinate alla copertura degli interessi passivi dei finanziamenti erogati dalle banche per la ristrutturazione dei debiti nel caso delle stalle da latte. A queste ultime sono destinati altri 5 milioni di euro per il 2016 e 7 milioni di euro per il 2017 per il finanziamento di investimenti.

Riguarda entrambi i settori, quello bovino e quello suino, la disponibilità di 25 milioni nel 2017, destinati a coprire i costi sostenuti per gli interessi passivi maturati nei due anni precedenti.


La domanda

Il contributo massimo è di 15mila euro, nei limiti delle disponibilità finanziarie indicate.
Il limite è dettato dalle norme comunitarie sugli aiuti “de minimis” e la domanda per accedere agli aiuti dovrà contenere fra l'altro una dichiarazione nella quale si certifichino gli eventuali aiuti di questo tipo percepiti negli ultimi tre anni.


I tempi

Condizione indispensabile per le imprese produttrici di latte è l'essere in regola con le norme sulle quote latte.
Tutta la documentazione (il dettaglio lo si può trovare nel decreto ministeriale) dovrà essere inviata a Ismea insieme alla domanda per accedere a questi aiuti. Attenzione però ai tempi. Si parte con il primo giugno e si chiude con il 30 dello stesso mese.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: latte suini bovini mipaaf banche

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 3 agosto a 131.904 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy