Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Registrati gratuitamente la tua agricoltura è online!
Una Mano per i Bambini

Vaccinazione, sì grazie!

L'immunizzazione è uno degli strumenti principe per prevenire la diffusione delle malattie infettive nella mandria. E' il messaggio lanciato in occasione delle serate formative organizzate da Zoetis e in corso in questi giorni da Nord a Sud della Penisola

Alessandro Amadei di Alessandro Amadei

vacche-veterinaria-inoculazione-fonte-allevatori-top.jpg

Il vaccino deve essere somministrato con l'animale in cattura, inoculando il presidio nella zona del collo
Fonte foto: © Allevatori Top

Non sono soltanto le mamme italiane a mostrarsi restie a vaccinare i propri figli. Secondo una recente statistica del dipartimento di Scienze veterinarie dell'Università di Parma, nel 50% circa degli allevamenti nazionali di bovine da latte l'immunizzazione non viene affatto praticata.

Eppure oggi, in un periodo in cui nelle nostre stalle le terapie antibiotiche vengono prescritte col contagocce, la lotta alle malattie provocate da batteri e virus si basa soprattutto sulla prevenzione. E la vaccinazione costituisce una delle due colonne portanti - l'altra è la "biosicurezza" - di qualsiasi attività di profilassi.

Un concetto sottolineato a chiare lettere anche in occasione delle serate formative che Zoetis sta proponendo ai bovinicoltori italiani, dal significativo titolo "Piano vaccinale, un incontro per chi desidera vederci chiaro". Un'occasione preziosa per esplorare e conoscere meglio l'affascinante mondo della vaccinologia veterinaria, dai meccanismi attraverso cui agiscono i patogeni e i vaccini, alle tipologie di presidi disponibili (vaccini vivi attenuati e vaccini spenti adiuvati), fino ai protocolli da osservare e alle corrette modalità di somministrazione nonchè di conservazione dei vaccini.

Senza tralasciare il principio dell'immunità "di mandria": come per l'uomo anche per il bovino gli epidemiologi oggi insistono infatti sulla necessità di uscire dalla logica della mera protezione individuale, del singolo animale, per approdare invece all'idea che vaccinare significa anche contenere la diffusione del patogeno nell'ambito di una popolazione.
Per cui maggiore è la percentuale di vacche immunizzate nella mandria, minore è la probabilità che le bovine scoperte vengano a contatto con l'agente infettante.

L'allevamento è la tua vita?

L'indirizzo giusto è questo: www.agronotizie.it/allevatoritop
Scarica un estratto, ricevi i primi tre numeri gratis
e contatta lo staff della nuova rivista Allevatori Top

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Allevatori Top

Autore:

Tag: bovini malattie infettive vaccinazione

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 20 aprile a 131.866 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy