Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Registrati gratuitamente la tua agricoltura è online!
Una Mano per i Bambini

Nell'avicoltura italiana batte un cuore romagnolo

Il 20% delle carni avicole e l'11% delle uova sono prodotte in Romagna, ma sotto il profilo della commercializzazione i numeri sono ancora più alti

Giovanni De Luca di Giovanni De Luca

gallo-hahn-fonte-pixabay.jpg

Il distretto della Romagna ricopre un ruolo di prim'ordine all'interno dell'avicoltura nazionale
Fonte foto: © Pixabay

L'avicoltura è il settore zootecnico più all'avanguardia di tutti e le dinamiche che caratterizzano questo comparto, prima o poi saranno copiate o subite anche negli altri. 

Ecco perché quando Fieravicola, il salone B2B che dal 5 al 7 aprile porterà Forlì il top delle aziende produttrici di mezzi tecnici, è alle porte, si torna a parlare di avicoltura intensiva. 

Sul fronte del pollo da carne il business è ormai in mano a pochi nomi, mentre nel mondo delle uova ai pochi  "big" si affiancano altre realtà interessanti.
Ma questo non frena lo sviluppo tecnologico e la positiva risposta degli espositori della prossima rassegna forlivese che fa sperare bene: "Alla fine dello scorso mese di gennaio - ricorda Gianluca Bagnara, presidente della Fiera di Forlì - lo spazio espositivo già esaurito ammontava all'80% del totale e nei prossimi giorni dovremmo arrivare al sold out, segno evidente della vivacità del settore"

Il distretto della Romagna ricopre un ruolo di prim'ordine all'interno dell'avicoltura nazionale, basti ricordare che il 20% della produzione totale di carne bianca e l'11% della produzione di uova viene da queste zone, mentre l'aggregazione del comparto della lavorazione e della commercializzazione sfiora il 40%. 

Il comparto avicolo, in Italia, arriva da un 2016 particolarmente difficile sia per quanto riguarda i consumi di carne di pollo e di uova che di redditività per gli allevatori.
"Le ultime rilevazioni parlano di timidi segnali di ripresa - afferma Bagnara -  ma non possiamo dimenticare che nel solo 2016 le quotazioni delle uova hanno dovuto incassare una flessione addirittura del 20% sull'anno precedente, arrivando a un -5% nella media degli ultimi cinque anni. Fortunatamente il costo delle materie prime destinate all'alimentazione, che copre il 60% del costo di produzione in allevamento, è in frenata e questo mitiga un po' le perdite economiche che comunque pesano come un macigno sui produttori".

In Italia si producono mediamente ogni anno 850mila tonnellate di uova, pari a un valore di 1,2 miliardi di euro che genera un fatturato sul prodotto finito (confezionato o sgusciato), vicino a 1,5 miliardi di euro.

L'allevamento è la tua vita?

L'indirizzo giusto è questo: www.agronotizie.it/allevatoritop
Scarica un estratto, ricevi i primi tre numeri gratis
e contatta lo staff della nuova rivista Allevatori Top

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: carne uova avicolo zootecnia

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 20 luglio a 131.960 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy