Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

FuturPera, le novità dell'edizione 2017

Presentata a Fruit Logistica la seconda edizione della vetrina internazionale dedicata alla pericoltura, in programma a Ferrara Fiere dal 16 al 18 novembre. Obiettivo: promuovere e far crescere la filiera di un intero distretto produttivo d'eccellenza
futurpera-presentazione-fruit-logistica-2017.jpg

Da sinistra: Simona Caselli, assessore all'Agricoltura dell'Emilia-Romagna, Paolo Bruni, presidente del Cso, e Filippo Parisini, presidente di Ferrara Fiere

"Valorizzare un distretto produttivo d’eccellenza della Pianura Padana, che comprende l’Emilia-Romagna e parte del Veneto, e far crescere reddito e occupazione per l’intero comparto". Questi, in sintesi, gli obiettivi della seconda edizione di FuturPera, il Salone internazionale della pera che si terrà a Ferrara dal 16 al 18 novembre 2017 e che è stato presentato nell'ambito di Fruit Logistica a Berlino da Filippo Parisini, presidente di Ferrara Fiere, insieme a Paolo Bruni, presidente Cso e Simona Caselli, assessore all’Agricoltura, caccia e pesca delle Regione Emilia-Romagna.
Una vetrina importante per una manifestazione, organizzata dall'ente fieristico ferrarese e da Oi Pera, completamente dedicata alla filiera pericola che ha saputo imporsi, sin dalla prima edizione nel 2015, come punto di riferimento per il comparto.

"Sono onorato di rappresentare in questa sede prestigiosa – ha spiegato Parisini - non solo la sede fieristica ma e l’intero Consiglio di amministrazione della società FuturPera, composto da Stefano Calderoni, Albano Bergami e Sergio Gulinelli, che, voglio ricordarlo, è voluta e organizzata da Oi (Organizzazione interprofessionale) Pera e Ferrara Fiere. Uno sforzo organizzativo importante che coinvolge l’intera città dal punto di vista economico e associativo, con il sostegno dell’amministrazione comunale e regionale".

"Grazie a questi sforzi congiunti - ha proseguito Parisini - stiamo lavorando ad una seconda edizione dall’altissimo profilo tecnico. Vogliamo dare a tutti gli imprenditori della filiera pericola, da chi produce a chi distribuisce, una vetrina unica che consenta loro di avere nuove possibilità di sviluppo, anche attraverso relazioni con altri paesi produttori, e di crescita. Gli operatori troveranno a FuturPera un’ampia parte espositiva e commerciale capace di ospitare e rappresentare l’intera filiera, dalla produzione al consumo".

"Sarà come sempre di alto profilo – ha affermato il presidente di Ferrara Fiere - l’offerta di convegni e incontri tecnici che daranno agli operatori una panoramica sulle principali tematiche del settore, dalle tendenze di mercato alle prospettive di prospettive della difesa fitosanitaria, fino alle novità della ricerca varietale. Spazio anche all’internazionalizzazione del prodotto, grazie a momenti di relazione e scambio con buyer internazionali e l’incontro con rappresentanti di altri paesi produttori. Tra le novità anche un approccio più green con uno spazio dedicato alla produzione biologica e alle sue prospettive nel settore pericolo. Non mancherà, infine, l’intero coinvolgimento della città di Ferrara che nei giorni di FuturPera si trasformerà nella "Città del Gusto" con eventi enogastronomici e culturali dedicati alla pera, per ribadire la sua importanza economica, culturale ed enogastronomica".

A ribadire l’importanza del prodotto pera e dell’eccellenza produttiva ed economica del distretto anche il presidente del Cso Italy, Paolo Bruni, che avrà un importante ruolo tecnico nell’ambito di FuturPera per l’organizzazione della parte convegnistica. "La pera prodotta in Emilia-Romagna, l’Abate in primis - ha detto Bruni – è un prodotto di qualità eccellente, un vero e proprio patrimonio produttivo agricolo emiliano-romagnolo. FuturPera nel 2015 ha saputo valorizzare questo patrimonio e ha visto peraltro la nascita di due realtà aggregative importanti come Opera e Origine Group che hanno saputo, da quel momento, valorizzare ancora di più il prodotto pera. Aspettiamo dunque con grande interesse la nuova edizione".

L’assessore Simona Caselli ha sottolineato l’importanza di eventi come FuturPera perché fortemente specializzati nella promozione di un unico prodotto. "FuturPera è una manifestazione fieristica mono-prodotto che ha avuto un buon successo nella sua prima edizione perché, essendo specializzata, è riuscita a catalizzare l’interesse di tutti gli operatori della filiera. La Regione ha creduto molto nel progetto perché l’Emilia-Romagna è la zona produttiva vocata per le pere, un prodotto che deve essere sempre più valorizzato, anche a livello di immagine. Apprezzo molto, infatti, la scelta fatta dal settore di investire in aggregazione per organizzare l’offerta e anche le nuove campagne di marketing e comunicazione dedicate alla pera. Il sostegno a FuturPera e al prodotto pera rientra poi, davvero perfettamente, nei nostri obiettivi di valorizzazione di tutti prodotti emiliano-romagnoli certificati e di qualità".

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 14 settembre a 132.342 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy