Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Cereali, peggiora lievemente la bilancia commerciale 2016

Aumenta di 2,4 milioni di euro il deficit della bilancia import-export rispetto al 2015. Cresce l'import di cereali in granella, mentre all'estero vanno forte le paste made in Italy

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

grano-frumento-by-hachri-fotolia-750.jpeg

Cresce più velocemente l'import di cereali e prodotti derivati rispetto all'export
Fonte foto: © hachri - Fotolia

Cresce sia l’import che l’export nell’anno 2016 per l’Italia dal punto di vista dei cereali e dei prodotti derivati. Le importazioni sono aumentate più che proporzionalmente rispetto alle vendite all’estero, tanto che il saldo valutario della bilancia import-export è peggiorato di 2,4 milioni di euro, passando da un deficit di 1893,7 milioni di euro nel 2015 a 1896,1 nel 2016.

Sotto il profilo quantitativo, le importazioni di cereali, semi oleosi e farine proteiche nel corso del 2016 sono aumentate di 1.423mila tonnellate rispetto all’anno precedente, passando dai 18 ai 19,5 milioni di tonnellate, con una crescita del 7,9%, per un valore complessivo di 5,2 miliardi di euro.

La maggiore crescita di arrivi dall’estero si è registrata nei cereali in granella (+938mila tonnellate), in particolare mais (+662mila tonnellate), grano tenero (+394mila tonnellate), orzo (+70mila tonnellate). Scende invece l’import di grano duro (-161mila tonnellate), avena (-20mila tonnellate), e cereali minori tra cui il sorgo (-101mila tonnellate).

Aumentano anche le importazioni di prodotti trasformati/sostitutivi (+114mila tonnellate), crusca (+8800 tonnellate), mangimi a base cereali (11.600 tonnellate) e riso (+24mila tonnellate), mentre una fortissima crescita si è avuta nei semi oleosi (+513mila tonnellate). Scende invece l’arrivo di farine proteiche vegetali, in calo di 187mila tonnellate.

L’export complessivo made in Italy di cereali e prodotti derivati sono cresciuti invece di 11.400 tonnellate (+0,3%), toccando il record di 4,44 milioni di tonnellate, per un valore complessivo di 3,3 miliardi di euro. Scendono le esportazioni di cereali in granella (-117mila tonnellate), mangimi a base di cereali (-11200 tonnellate), riso (-25400 tonnellate), mentre crescono le vendite all’estero di prodotti trasformati/sostitutivi (+79mila tonnellate), farina di grano tenero (+17mila tonnellate), semola di grano duro (+10mila tonnellate) e paste alimentari (+59mila tonnellate).

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Anacer - Associazione nazionale cerealisti

Autore:

Tag: cerealicoltura riso import/export export grano made in italy pasta cereali frumento

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 21 settembre a 132.247 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy