Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Forum

Home   Supporto

Iscriviti alla community per partecipare al forum e vedere gli autori dei messaggi

Difesa da parassiti animali: Tuta absoluta
Discussione avviata mercoledì 13 maggio 2009 - 16:17 • viste: 16043 • risposte: 88

tuta absoluta

Scritto mercoledì 13 maggio 2009 - 14:17

Salve,
è apparso da qualche mese questo lepidottero di colore grigio il quale depone le uova sulle parti verdi della pianta di pomodoro compresi i frutti, generando delle gallerie, tipo minatrice, dstruggendo di conseguenza i vasi linfatici. Ho utilizzato quasi tutti i principi attivi ammessi sul pomodoro che vanno dagli acaricidi agli insetticidi compresi quelli repellenti e biologici. La coltivazione è veramente compromessa, i risultati ottenuti con questi trattamenti chimici sono serviti a ben poco.
Siete in grado di darmi qualche altra direttiva?

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto mercoledì 13 maggio 2009 - 14:44

moranagiuseppe wrote:

Salve,
è apparso da qualche mese questo lepidottero di colore grigio il quale depone le uova sulle parti verdi della pianta di pomodoro compresi i frutti, generando delle galerie, tipo minatrice, distruggendo di conseguenza i vasi linfatici. Ho utilizzato quasi tutti i principi attivi ammessi sul pomodoro che vanno dagli acaricidi agli insetticidi compresi quelli repellenti e biologici. La coltivazione è veramente compromessa, i risultati ottenuti con questi trattamenti chimici sono serviti a ben poco.
Siete in grado di darmi qualche altra direttiva?

Ciao Giuseppe,
in alternativa puoi provare la trappola per cattura massale TUTASAN distribuita da Koppert Italia. Per maggiori info clicca qui per consultare la scheda di dettaglio della trappola su www.biolgest.com.

Fammi sapere come è andata!

A presto

Igor Fitogest

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto giovedì 14 maggio 2009 - 11:23

IgorSportelli wrote:

moranagiuseppe wrote:
Salve,
è apparso da qualche mese questo lepidottero di colore grigio il quale depone le uova sulle parti verdi della pianta di pomodoro compresi i fruti, generando delle gallerie, tipo minatrice, distruggendo di conseguenza i vasi linfatici. Ho utilizzato quasi tutti i principi attivi ammessi sul pomodoro che vanno dagli acaricidi agli insetticidi compresi quelli repellenti e biologici. La coltivazione è veramente compromessa, i risultati ottenuti con questi trattamenti chimici sono serviti a ben poco.
Siete in grado di darmi qualche altra direttiva?

Ciao Giuseppe,
in alternativa puoi provare la trappola per cattura massale TUTASAN distribuita da Koppert Italia. Per maggiori info clicca qui per consultare la scheda di dettaglio della trappola su www.biolgest.com.

Fammi sapere come è andata!

A presto

Igor Fitogest


Ciao Igor,
le trappole della koppert le ho utilizzate, ma secondo il mio paretre non hanno fatto altro che attirarne delle altre. La lotta con i ferormoni dà dei risultati se accompagnata da una lotta chimica efficiente altrimenti si rischia di infettare l'ambiente.

Comunque grazie della risposta

A risentirci

Peppe: Ortobarocco

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto giovedì 14 maggio 2009 - 12:21

Purtroppo la soluzione a questo nuovo lepidottero ancora non esiste in quanto è arrivato da poco. Non si conosce il nemico naturale e il feromone sessuale ha un costo elevatissimo; bisognerà aspettareancora del tempo per saperne di più.
Nel frattempo le consiglio di attenuare le infestazioni con trappole cromotropiche (anche se poco efficaci) nel caso si tratti di una coltura in serra unitamente all'adozione di barriere protettive (reti).

L'uso di prodotti coadiuvanti come i saponi molli di potassio, le gelatine e gli oli ad uso agricolo, sembrerebbe limitare lo sviluppo delle uova e delle forme adulte...
Per informazioni più dettagliate mi contatti: le invierò un file completo.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto martedì 9 giugno 2009 - 10:55

Eliminato con successo con il prodotto Newplant.

Info su www.sanipharma.it.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto domenica 14 giugno 2009 - 12:08

claudiobrida wrote:

Eliminato con successo con il prodotto Newplant.

Info su www.sanipharma.it.

Claudio ciao,
eliminato con successo che cosa signiica , che con un trattamento o due risolviamo il problema???
Spero che il tuo ottimismo non sia "di parte", comunque ci sentiamo telefonicamente per organizzare una prova con questo alcol.
Ciao!!!

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto domenica 14 giugno 2009 - 17:27

giuseppemiglia wrote:

claudiobrida wrote:
Eliminato con successo con il prodotto Newplant.

Info su www.sanipharma.it.

Claudio ciao,
eliminato consuccesso che cosa significa , che con un trattamento o due risolviamo il problema???
Spero che il tuo ottimismo non sia "di parte", comunque ci sentiamo telefonicamente per organizzare una prova con questo alcol.
Ciao!!!

Le prove da noi fatte hanno dato notevoli risultati, ovviamente non c'è la bacchetta magica perchè le situazioni cambiano, le variabili sono moltissime. Ma tentar non nuoce, chissà! Manda i tuoi recapiti oppure contatta al 328.476599 Alessandro Capizzi per stabilire dove mandarti un campione.

Ciao!!!!

rispondi

Tuta absoluta

Scritto venerdì 19 giugno 2009 - 10:45

Buon giorno a tutti,
sono venuto a conoscenza da pochi giorni dell'esistenza di un nuovo lepidottero che attacca tutte le coltivazioni di solanacee.
Si chiama Tuta absoluta, e proviene dall'Africa. olevo sapere se qualcuno avevo delle nozioni pratiche per il controllo e il contenimento di questo insetto che sembra abbia grandi capacità distruttive. Grazie...

rispondi

RE: Tuta absoluta

Scritto sabato 20 giugno 2009 - 17:16

danilo82 wrote:

Buon giorno a tutti,
sono venuto a conoscenza da pochi giorni dell'esistenza di un nuovo lepidottero che attacca tutte le coltivazioni di solanacee.
Si chiama Tuta absoluta, e provene dall'Africa. Volevo sapere se qualcuno avevo delle nozioni pratiche per il controllo e il contenimento di questo insetto che sembra abbia grandi capacità distruttive. Grazie...

Buongiorno,mi sembra di aver capito che non sia facile debellare questo parassita anche perchè risulta essersi adattato molto bene all'ambiente e resistente ai fitofarmaci più comunemente usati.Ovviamente per contenere il fenomeno ci sono insetticida di classe superiore da applicare,ma considerando gli intervalli di sicurezza(~15 giorni su ortaggi)non sembra il caso,considerando anche il periodo attuale di sviluppo e produzione degli ortaggi stessi

rispondi

RE: Tuta absoluta

Scritto domenica 21 giugno 2009 - 12:39

con l'azione asfissiante del newplant siamo riusciti a controllarlo in serra.

Tempo di carenza: ZERO.

Residui sul frutto: ZERO.

www.sanipharma.it

rispondi

RE: Tuta absoluta

Scritto domenica 21 giugno 2009 - 17:20

Io cerco sempre di capire le azioni dei prodotti fitosanitari e, sinceramente, capisco poco di questo prodotto in quanto le spiegazioni sull'utilizzo sono molto poche e le informazioni a riguardo pratcamente non esistono. Ci puoi dire qualcosa di più? Ci puoi fornire i risultati di prove o dirci chi, come e in che dosi ha usato queso prodotto?
Se poi fosse vero che abbia un'azione antitraspirante, dico che è bene limitarne l'uso in quanto la riduzione di uso dell'acqua limiterebbe la fotosintesi, quindi la produzione di zuccheri, quindi di sostanza secca, quindi di sostanza fresca. In ultima analisi limiterebbe la produttività.
Dal mio puto di vista le stesse conseguenze derivano da un'uso improrpio di tutta quella serie di prodotti a base di olii vegetali più o meno deesterificati, più o meno emulsionati, che ormai si trovano in commercio
claudiobrida wrote:

con l'azione asfissiante del newplant siamo riusciti a controllarlo in serra.

Tempo di carenza: ZERO.

Residui sul frutto: ZERO.

www.sanipharma.it

rispondi

RE: Tuta absoluta

Scritto domenica 21 giugno 2009 - 18:36

Nel sito ci sono le info che servono, incluso nella sezione TESTIMONIANZE alcune storie di successo.

Riguardo l'analisi che hai fatto sugli olii sono d'accordo nella misura in cui tutto ciò che sin ad oggi è stato messo in commercio rispecchia quanto hai scritto.

In questo caso il prodotto è innovativo sia per la tipologia di olii impiegati che per il loro livello di raffinazione che ne fanno un prodotto particolare, già dai dosaggi di impiego di capsce di cosa sto parlando.

In ogni caso puoi decidere se farti distruggere tutto dalla Tuta oppure se intervenire, anche a discapito della quantità prodotta (anche se a dire la verità nessuno si è mai lamentato di ciò con questo prodotto).

A questo punto conviene fare una cosa semplicissima, provare il prodotto.

Puoi contattare al 328.4765999 Alessandro Capizzi e lui ti spedirà il campione prova.

rispondi

RE: Tuta absoluta

Scritto domenica 21 giugno 2009 - 20:38

Quando parlo di chi, dove, quando e come intendo soprattutto prove con risultati empirici e non "testimonianze" seppur assolutamente rispettabili.
Non voglio assolutamente mettere in discussione la bntà di questo prodotto. Vorrei solo che ci fossero dei numeri che suffragassero quanto asserito. Troppe volte - e non voglio dire che sia questo il caso - in agricoltura si parla di pozioni magiche che risultano tali solo per le tasche di chi le vende, e troppe volte si incorre nell'errore del "post hoc ergo propter hoc". Per tale motivo solo i numeri, derivati da prove scientifiche, possono darci garanzia di risultato.
Vorrei capire in più cosa si intende per "prodotto sanitizzante" e per prodotto "antimicotico-batterico e antivirosi" - fra l'altro non si dice che sia insetticida. Mi spieghi: tale prodotto cura le virosi?

rispondi

tuta absoluta

Scritto lunedì 22 giugno 2009 - 23:41

Salve,
mi sto interessando moltissimo al NEW PLANT, fra pochi giorni dovrei trapiantare pomodoro ciliegino e leggendo in questo forum sto vedendo "luce nel buio". La TUTA è un insetto che sta destano non poche preoccupazioni e sono disposto a provare qualunque cosa per combatterlo. Vorrei sapere a chi posso rivolgermi per provare il prodotto.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto martedì 23 giugno 2009 - 15:31

gianni86 wrote:

Salve,
mi sto interessando moltissimo al NEW PLANT, fra pochi giorni dovrei trapiantare pomodoro ciliegino e leggendo in questo forum sto vedendo "luce nel buio". La TUTA è un inseto che sta destando non poche preoccupazioni e sono disposto a provare qualunque cosa per combatterlo. Vorrei sapere a chi posso rivolgermi per provare il prodotto.

Caro gianni86,
il problema dei produttori è propio questo voler provare la qualunque per combatterlo ma non fanno altro che aumentare la speculazione.
Io ho fatto un esperienza di campo facendo trapiantare delle piante di zucca lunga (lagenaria) prima del trapianto del pomodoro, questa attira l'insetto chiamato Nesidiocoris che preda le uova e le giovani larve di lepidotteri, l'importante però è che nelle prime settimane ti limiti a fare dei trattamenti solo con prodotti altamente selettivi, io ho usato la Beauveria Bassiana (Botanigard) che è attiva nei confronti delle piccole larve di Tuta A. e rispetta il Nesidiocoris. Certo non so a quale zona tu appartenga ma in Sicilia questo insetto io l'ho visto ovunque e riesce a predare un gran numero di uova e piccole larve.
Questo metodo è un pò impegnativo ma è economico, efficace e senza nessun rischio per te e per la pianta.
Ti raccomando solo di fare i trattamenti con prodotti selettivi e per ora l'unico che conosco è propio il Botanigard, e di stare attento a non fare popolare troppo la serra di Nesidiocoris perchè può anche arrivare a nutrirsi della pianta, anche se poi basta un semplice trattamento con un qualsiasi insetticida per ridurre la popolazione.
A breve pubblicherò la mia esperienza e ci sentiremo qui nel forum.
Saluti
Rosario (Vittoria,RG )

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto martedì 23 giugno 2009 - 17:49

Concordo pienamente. Queste sono esperienze NON LUCRATIVE.
Facci sapere qualcosa di più.

novara wrote:

gianni86 wrote:
Salve,
mi sto interessando moltissimo al NEW PLANT, fra pochi giorni dorei trapiantare pomodoro ciliegino e leggendo in questo forum sto vedendo "luce nel buio". La TUTA è un insetto che sta destando non poche preoccupazioni e sono disposto a provare qualunque cosa per combatterlo. Vorrei sapere a chi posso rivolgermi per provare il prodotto.

Caro gianni86,
il problema dei produttori è propio questo voler provare la qualunque per combatterlo ma non fanno altro che aumentare la speculazione.
Io ho fatto un esperienza di campo facendo trapiantare delle piante di zucca lunga (lagenaria) prima del trapianto del pomodoro, questa attira l'insetto chiamato Nesidiocoris che preda le uova e le giovani larve di lepidotteri, l'importante però è che nelle prime settimane ti limiti a fare dei trattamenti solo con prodotti altamente selettivi, io ho usato la Beauveria Bassiana (Botanigard) che è attiva nei confronti delle piccole larve di Tuta A. e rispetta il Nesidiocoris. Certo non so a quale zona tu appartenga ma in Sicilia questo insetto io l'ho visto ovunque e riesce a predare un gran numero di uova e piccole larve.
Questo metodo è un pò impegnativo ma è economico, efficace e senza nessun rischio per te e per la pianta.
Ti raccomando solo di fare i trattamenti con prodotti selettivi e per ora l'unico che conosco è propio il Botanigard, e di stare attento a non fare popolare troppo la serra di Nesidiocoris perchè può anche arrivare a nutrirsi della pianta, anche se poi basta un semplice trattamento con un qualsiasi insetticida per ridurre la popolazione.
A breve pubblicherò la mia esperienza e ci sentiremo qui nel forum.
Saluti
Rosario (Vittoria,RG )

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto martedì 23 giugno 2009 - 20:07

fuorisuolo.it wrote:

Concordo pienamente. Queste sono esperienze NON LUCRATIVE.
Facci sapere qualcosa di più.

novara wrote:

gianni86 wrote:
Salve,
mi sto interessando moltissimo al NEW PLAT, fra pochi giorni dovrei trapiantare pomodoro ciliegino e leggendo in questo forum sto vedendo "luce nel buio". La TUTA è un insetto che sta destando non poche preoccupazioni e sono disposto a provare qualunque cosa per combatterlo. Vorrei sapere a chi posso rivolgermi per provare il prodotto.

Caro gianni86,
il problema dei produttori è propio questo voler provare la qualunque per combatterlo ma non fanno altro che aumentare la speculazione.
Io ho fatto un esperienza di campo facendo trapiantare delle piante di zucca lunga (lagenaria) prima del trapianto del pomodoro, questa attira l'insetto chiamato Nesidiocoris che preda le uova e le giovani larve di lepidotteri, l'importante però è che nelle prime settimane ti limiti a fare dei trattamenti solo con prodotti altamente selettivi, io ho usato la Beauveria Bassiana (Botanigard) che è attiva nei confronti delle piccole larve di Tuta A. e rispetta il Nesidiocoris. Certo non so a quale zona tu appartenga ma in Sicilia questo insetto io l'ho visto ovunque e riesce a predare un gran numero di uova e piccole larve.
Questo metodo è un pò impegnativo ma è economico, efficace e senza nessun rischio per te e per la pianta.
Ti raccomando solo di fare i trattamenti con prodotti selettivi e per ora l'unico che conosco è propio il Botanigard, e di stare attento a non fare popolare troppo la serra di Nesidiocoris perchè può anche arrivare a nutrirsi della pianta, anche se poi basta un semplice trattamento con un qualsiasi insetticida per ridurre la popolazione.
A breve pubblicherò la mia esperienza e ci sentiremo qui nel forum.
Saluti
Rosario (Vittoria,RG )

Rosario la tua esperienza è molto interessante, e sicuramente è da tener di conto, ma quante piante di zucca si debbono inserire ogni 1000 metri di superfice? Non pensi che in estate e' difficile coltivare questa zucca dato che gli attacchi di oidio sono molto forti e difficili da controllare?
Ciao giuseppe.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto martedì 23 giugno 2009 - 22:19

giuseppemiglia wrote:

fuorisuolo.it wrote:
Concordo pienamente. Queste sono esperienze NON LUCRATIVE.
Facci sapere qualcosa di più.

novara wrote:

gianni86 wrote:
Salve,
mi sto interessano moltissimo al NEW PLANT, fra pochi giorni dovrei trapiantare pomodoro ciliegino e leggendo in questo forum sto vedendo "luce nel buio". La TUTA è un insetto che sta destando non poche preoccupazioni e sono disposto a provare qualunque cosa per combatterlo. Vorrei sapere a chi posso rivolgermi per provare il prodotto.

Caro gianni86,
il problema dei produttori è propio questo voler provare la qualunque per combatterlo ma non fanno altro che aumentare la speculazione.
Io ho fatto un esperienza di campo facendo trapiantare delle piante di zucca lunga (lagenaria) prima del trapianto del pomodoro, questa attira l'insetto chiamato Nesidiocoris che preda le uova e le giovani larve di lepidotteri, l'importante però è che nelle prime settimane ti limiti a fare dei trattamenti solo con prodotti altamente selettivi, io ho usato la Beauveria Bassiana (Botanigard) che è attiva nei confronti delle piccole larve di Tuta A. e rispetta il Nesidiocoris. Certo non so a quale zona tu appartenga ma in Sicilia questo insetto io l'ho visto ovunque e riesce a predare un gran numero di uova e piccole larve.
Questo metodo è un pò impegnativo ma è economico, efficace e senza nessun rischio per te e per la pianta.
Ti raccomando solo di fare i trattamenti con prodotti selettivi e per ora l'unico che conosco è propio il Botanigard, e di stare attento a non fare popolare troppo la serra di Nesidiocoris perchè può anche arrivare a nutrirsi della pianta, anche se poi basta un semplice trattamento con un qualsiasi insetticida per ridurre la popolazione.
A breve pubblicherò la mia esperienza e ci sentiremo qui nel forum.
Saluti
Rosario (Vittoria,RG )

Rosario la tua esperienza è molto interessante, e sicuramente è da tener di conto, ma quante piante di zucca si debbono inserire ogni 1000 metri di superfice? Non pensi che in estate e' difficile coltivare questa zucca dato che gli attacchi di oidio sono molto forti e difficili da controllare?
Ciao giuseppe.


Giuseppe,
la zucca non la devi coltivare, ti serve solo per attrarre gli individui di Nesidiocoris dentro la serra in modo che appena trapianti le piante di pomodoro la popolazione possa spostarsi su di esso dove andrà a predare uova e piccole larve di lepidotteri oltre che adulti dei mosca bianca.
Mi sono messo in contatto con persone dell'America latina e mi hanno incoraggiato a fare questo tipo di lotta indicandomi anche altri insetti entomofagi.
In ogni caso bastano 10-12 piante di zucca per 1000 mq per portarti gli individui all'interno della serra con il nostro clima.
Ma tu di dove sei?
Saluti Rosario

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto mercoledì 24 giugno 2009 - 13:07

Rosario ciao,
io sono di Soverato in provincia di Catanzaro, coltivo ortaggi sia in serra che in pieno campo.

Ciao

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto mercoledì 24 giugno 2009 - 16:55

gianni86 wrote:

Salve,
mi sto interessando moltissimo al NEW PLANT, fra pochi giorni dovrei trapiantare pomodoro ciliegino e leggendo in questo forum sto vedendo "luce nel buio". La TUTA è un inseto che sta destando non poche preoccupazioni e sono disposto a provare qualunque cosa per combatterlo. Vorrei sapere a chi posso rivolgermi per provare il prodotto.

Contattami personalmente 328 47 65 999 - Alessandro Capizzi, www.sanipharma.it

rispondi

RE: Tuta absoluta

Scritto mercoledì 24 giugno 2009 - 17:14

Le testimonianze sono fatti empirici (dimostrati dall'esperienza).
Le prove scientifiche hanno la loro importanza ma sono riduttive in quanto esistono troppe variabili già tra una serra e l'altra nelo stesso appezzamento. Per noi nulla ha più valore che una testimonianza di successo poichè è questa la vera ricchezza che possediamo: una clientela soddisfatta.
Ma proprio a causa di queste differenze è necessario che ognuno faccia le proprie prove.
Se poi si sta chiedendo se la mia risposta è lucrativa, la risposta è SI', ne più ne meno di coloro i quali fanno produzioni agricole. E cerchiamo di rendere ancor più lucrativo il loro lavoro facendo risparmiare, laddove possibile, le spese sui trattamenti. Affinchè abbiano magari più soldi da reinvestire o per assumere + personale o per ciò che gli pare di fare con i soldi risparmiati.
Il prodotto contiene delle sostanze che inibiscono la sporulazione dei funghi e distruggono i batteri, gram positivi e gram negativi.
Inoltre l'azione dell'olio garantisce l'occlusione tracheale e quindi la morte per asfissia degli insetti e delle uova. Quindi in un solo prodotto si ottengono contemporaneamente 3 azioni.
L'ideale è la PREVENZIONE.

rispondi

RE: Tuta absoluta

Scritto mercoledì 24 giugno 2009 - 18:08

Era esattamente il tipo di spiegazione che mi aspettavo. Non mi è però ancora chiaro il discorso dell'antivirosi...

rispondi

RE: Tuta absoluta

Scritto mercoledì 24 giugno 2009 - 18:17

fuorisuolo.it wrote:

Era esattamente il tipo di spiegazione che mi aspettavo. Non mi è però ancora chiaro il discorso dell'antivirosi...

E' semplice, eliminando il vettore per conseguenza scondaria si inibisce l'attacco di virus.
E coloro i quali lo hanno impiegato mi hanno riferito ulteriori azioni complementari.

Grazie per l'attenzione.

rispondi

RE: Tuta absoluta

Scritto mercoledì 24 giugno 2009 - 18:33

claudiobrida wrote:

Le testimonanze sono fatti empirici (dimostrati dall'esperienza).
Le prove scientifiche hanno la loro importanza ma sono riduttive in quanto esistono troppe variabili gà tra unaserra e l'altra nello stesso appezzamento. Per noi nulla ha più valore che una testimonianza di successo poichè è questa la vera ricchezza che possediamo: una clientela soddisfatta.
Ma proprio a causa di queste differenze è necessario che ognuno faccia le proprie prove.
Se poi si sta chiedendo se la mia risposta è lucrativa, la risposta è SI, ne più ne meno di coloro i quali fanno produzioni agricole. E cerchiamo di rendergli ancor più lucrativo il loro lavoro facendogli risparmiare, laddove possibile, le spese sui trattamenti. Affinchè abbiano magari più soldi da reinvestire o per assumere + personale o per ciò che gli pare di fare con i soldi risparmiati.
Il prodotto contiene delle sostanze che inibiscono lka sporulazione dei funghi e distruggono i batteri, gram+ e gram -. Inoltre l'azione dell'olio garantisce l'occlusione tracheale e quindi la morte per asfissia degli insetti e delle uova. Quindi in un solo prodotto si ottengono contemporaneamente 3 azioni.
L'ideale è la PREVENZIONE.

Claudio,
credo che un conteggio economico lo possiamo fare solo noi che coltiviamo e di giorno in giorno dobbiamo farci i conti con tutte le spese che si incorrono per produrre, spese che non sono una variabile fissa ma aumentano di anno in anno.
Oggi ho incominciato le prove con il vostro prodotto su diverse colture e spero che vadano bene, ma ti rammento che, anche se i risultati saranno molto positivi, se non si avrà una convenienza economica effettiva ad usare questo prodotto, non avrai un grande sbocco sul mercato!!!

rispondi

RE: Tuta absoluta

Scritto mercoledì 24 giugno 2009 - 18:55

giuseppemiglia wrote:

claudiobrida wrote:
Le testimonanze sono fatti empirici (dimostrati dall'esperienza).
Le prove scientifiche hanno la loro importanza ma sono riduttive in quanto esistono trope variabili gà tra una serra e l'altra nello stesso appezzamento. Per noi nulla ha più valore che una testimonianza di successo poichè è questa la vera ricchezza che possediamo: una clientela soddisfatta.
Ma proprio a causa di queste differenze è necessario che ognuno faccia le proprie prove.
Se poi si sta chiedendo se la mia risposta è lucrativa, la risposta è SI, ne più ne meno di coloro i quali fanno produzioni agricole. E cerchiamo di rendergli ancor più lucrativo il loro lavoro facendogli risparmiare, laddove possibile, le spese sui trattamenti. Affinchè abbiano magari più soldi da reinvestire o per assumere + personale o per ciò che gli pare di fare con i soldi risparmiati.
Il prodotto contiene delle sostanze che inibiscono lka sporulazione dei funghi e distruggono i batteri, gram+ e gram -. Inoltre l'azione dell'olio garantisce l'occlusione tracheale e quindi la morte per asfissia degli insetti e delle uova. Quindi in un solo prodotto si ottengono contemporaneamente 3 azioni.
L'ideale è la PREVENZIONE.

Claudio credo che un conteggio economico lo possiamo fare solo noi che che coltiviamo che di giorno in giorno dobbiamo farci i conti con tutte le spese che si incorrono per produrre un prodotto , spese che non sono una variabile fissa ma aumentano di anno in anno .
Oggi ho incominciato le prove con il vostro prodotto su diverse colture e spero che vadano bene , ma ti rammento che ,anche se' i risultati siano molto positivi se' non si avra una convenienza economica effettiva ad usare questo prodotto ,non avrai un grande sbocco sul mercato!!!


Concordo pienamente e aggiungo che se faccio questo di mestiere, lo faccio anche per passione. Da oltre 20 anni. La tua soddisfazione è la mia soddisfazione. Tienimi aggiornato, invia foto e commenti.
Buona serata!

rispondi

RE: Tuta absoluta

Scritto mercoledì 24 giugno 2009 - 19:04

Volevo giusto che si precisasse quest'aspetto. Anche se resto ancora una volta perplesso nel leggere di "ulteriori azioni complementari": cosa vuol dire? Dateci spiegazioni e forniteci dati.

quote=claudiobrida"]fuorisuolo.it wrote:

Era esattamente il tipo di spiegazione che mi aspettavo. Non mi è però ancora chiaro il discorso dell'antivirosi...

E' semplice, eliminando il vettore per conseguenza secondaria si inibisce l'attacco di virus.
E coloro i quali lo hanno impiegato mi hanno riferito ulteriori azioni complementari.

Grazie per l'attenzione.[/quote]

rispondi

RE: Tuta absoluta

Scritto mercoledì 24 giugno 2009 - 20:38

fuorisuolo.it wrote:

Volevo giusto che si precisasse quest'aspetto. Anche se resto ancora una volta perplesso nel leggere di "ulteriori azioni complementari": osa vuol dire? Dateci spiegazioni e foriteci dati.

quote="claudiobrida"]fuorisuolo.it wrote:

Era esattamente il tipo di spiegazione che mi aspettavo. Non mi è però ancora chiaro il discorso dell'antivirosi...

E' semplice, eliminando il vettore per conseguenza secondaria si inibisce l'attacco di virus.
E coloro i quali lo hanno impiegato mi hanno riferito ulteriori azioni complementari.

Grazie per l'attenzione.

[/quote]
Gentile signore,
lo scoprirà provandolo.

Nel frattempo che si decida a farlo Felice le invio i miei migliori saluti.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto giovedì 25 giugno 2009 - 04:37

packy wrote:

Qualcuno può darmi delle indicazioni per la lotta alla tuta absoluta anche da pieno campo. Sono di foggia e le coltivazioni di pomodoro da pieno campo cominciano ad essere infestate ance da questo lepidottero.
Grazie, aspetto notizie.

Da alcuni incontri e sperimentazioni messe in atto si può controllare la Tuta absoluta con trattamenti con il Laser, dose 40 di 40 cc/hl alternato al Clorpirifos purchè sia in polvere alla dose di 300 g/hl. Il prodotto liquido non è buono perchè il solvente all'interno brucia le piante.
Azienda Agricola Meleleo Antonio - Produzione Ortaggi sotto serra meleleo_antonio@libero.it
Ciao da un tuo CollegaTrattore

rispondi

RE: Tuta absoluta

Scritto venerdì 26 giugno 2009 - 17:32

Ancora una volta non sono soddisfatto. Non si getta un sasso nello stagno per poi nascondere la mano: cosa vuol dire "ulteriori azioni complementari"?

Grazie.

rispondi

RE: Tuta absoluta

Scritto venerdì 26 giugno 2009 - 20:12

fuorisuolo.it wrote:

Ancora una volta non sono soddisfatto. NOn si getta un sasso nello stagno per poi nascondere la mano: cosa vuol dire "ulteriori azioni complementari"?

Grazie.

Quano la invito alla prova significa che la prova vale più di mille parole.

Adesso mi perdoni ma il tempo è bello e questo week end si va al mare.

Buon fine settimana.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto sabato 1 agosto 2009 - 16:16

moranagiuseppe wrote:

Salve,
è apparso da qualche mese questo lepidottero di colore grigio il quale depone le uova sulle parti verdi della pianta di pomodoro compresi i frutti, generando delle galerie, tipo minatrice, distruggendo di conseguenza i vasi linfatici. Ho utilizzato quasi tutti i principi attivi ammessi sul pomodoro che vanno dagli acaricidi agli insetticidi compresi quelli repellenti e biologici. La coltivazione è veramente compromessa, i risultati ottenuti con questi trattamenti chimici sono serviti a ben poco.
Siete in grado di darmi qualche altra direttiva?

Occhiolinoper la Tuta Absoluta intervieni con il prodotto ALVERDE della Basf dose 0,25 lt x ha,(dose per dorifera,mentre su elicoverpa va 1 lt.) p.a. Metaflumizone tempo di carenza su pomodoro 3 gg, su patata 14 gg.

mandi duca 73Cool

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto sabato 1 agosto 2009 - 21:24

Come da numerose testimonianze in ns possesso con NEW PLANT abbiamo ottenuto ottimi risultati. No tempo di carenza, max sicurezza e biodegradibilità, ampio spettro d'azione.

www.sanipharma.it

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto martedì 4 agosto 2009 - 15:02

moranagiuseppe wrote:

Salve,
è apparso da qualche mese questo lepidottero di colore grigio il quale depone le uova sulle parti verdi della pianta di pomodoro compresi i frutti, generando delle galerie, tipo minatrice, distruggendo di conseguenza i vasi linfatici. Ho utilizzato quasi tutti i principi attivi ammessi sul pomodoro che vanno dagli acaricidi agli insetticidi compresi quelli repellenti e biologici. La coltivazione è veramente compromessa, i risultati ottenuti con questi trattamenti chimici sono serviti a ben poco.
Siete in grado di darmi qualche altra direttiva?

puoi provare ad abbatterlo con insetticidi a base di Spinosad.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto giovedì 6 agosto 2009 - 11:08

pinoen wrote:

moranagiuseppe wrote:
Salve,
è apparso da qualche mese questo lepidottero di colore grigio il quale depone le uova sulle parti verdi della pianta di pomodoro compresi i frutti, genrando delle gallerie, tipo minatrice, distruggendo di conseguenza i vasi linfatici. Ho utilizzato quasi tutti i principi attivi ammessi sul pomodoro che vanno dagli acaricidi agli insetticidi compresi quelli repellenti e biologici. La coltivazione è veramente compromessa, i risultati ottenuti con questi trattamenti chimici sono serviti a ben poco.
Siete in grado di darmi qualche altra direttiva?

puoi provare ad abbatterlo con insetticidi a base di Spinosad.

Verissimo, lo spinosad in abbinamento con new plant. usando 500ml/hl di New Plant e lo spinosad a metà dose. addirittura anche usando new plant a 250ml/hl con spinosad a piena dose ci sono stati risultati soddisfacenti.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto venerdì 7 agosto 2009 - 14:57

moranagiuseppe wrote:

Salve,
è apparso da qualche mese questo lepidottero di colore grigio il quale depone le uova sulle parti verdi della pianta di pomodoro compresi i frutti, generando delle galerie, tipo minatrice, distruggendo di conseguenza i vasi linfatici. Ho utilizzato quasi tutti i principi attivi ammessi sul pomodoro che vanno dagli acaricidi agli insetticidi compresi quelli repellenti e biologici. La coltivazione è veramente compromessa, i risultati ottenuti con questi trattamenti chimici sono serviti a ben poco.
Siete in grado di darmi qualche altra direttiva?

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto venerdì 7 agosto 2009 - 16:36

Dunque, la situazione Tuta, o falena qui da noi, in Calabria sta divenendo veramente preoccupante.
Se questo insetto si insidia in una zona, dove trova il suo habitat ottimale, distrugge il 100% dell coltivazioni, senza che si pensi che stia esagerando.
Dalla fine di maggio in poi, nelle serre non ci sono prodotti che possano effettivamente aiutare per più di tre giorni.
Pensate che effettuare i trattamenti ogni tre giorni, con qualsiasi prodotto anche solo con acqua fresca, è economicamente conveniente???
Per cui nelle serre, cominciamo a guardare le cose in modo diverso. Innanzitutto mettiamo in secondo piano la lotta chimica: ridimensioniamo i calendari di coltura anticipandoli in inverno e posticipandoli in autunno, secondo le zone dove ci troviamo.
La confusione sessuale e l'uso di reti anti-insetto possono aiutare molto.
Dove vi è possibilità, cioe dove ancora c'è la speranza di riprendere con la lotta biologica, in quanto si ha la certezza di non usare insetticidi dannosi per l'entomofauna utile , in queste zone conviene insistere con il biologico.
Una soluzioneche spesso si sottovaluta e'quella di scoprire anticipatamente le serre, oppure di coprirle esclusivamnente con rete anti insetto.
Quello che vi suggerisco e di stare attenti con la lotta chimica, inquanto sono anti i prodotti validi (Laser, Vertimec, Alverde, Stewart, Match, Clorpirifos, tanti piretroidi), ma è economicamente valida questa lotta.
In pieno campo la situazione è diversa, in quanto l'insetto si dimostra meno aggressivo, ed il numero di generazioni che si susseguono nell'arco di un mese scendono a tre-quattro (in serra non si riescono contare).

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto venerdì 7 agosto 2009 - 16:49

giuseppemiglia wrote:

Dunque, la situazione Tuta, o falena qui da noi, in Calabria sta divenendo veramente preoccupante.
Se questo insetto si insidia in una zona, dove trova il suo habitat ottimale distrugge il 100% delle coltivazioni, senza che si pensi che stia esagerando.
Dalla fine di maggio in poi, nelle serre non ci sono prodotti che possano effettivamente aiutare per più di tre giorni.
Pensate che effettuare i trattamenti ogni tre giorni, con qualsiasi prodotto anche solo con acqua fresca, è economicamente conveniente???
Per cui nelle serre, cominciamo a guardare le cose in modo diverso. Innanzitutto mettiamo in secondo piano la lotta chimica: ridimensioniamo i calendari di coltura anticipandoli in inverno e posticipandoli in autunno, secondo le zone dove ci troviamo.
La confusione sessuale e l'uso di reti anti-insetto possono aiutare molto.
Dove vi è possibilità, cioe dove ancora c'è la speranza di riprendere con la lotta biologica, in quanto si ha la certezza di non usare insetticidi dannosi per l'entomofauna utile , in queste zone conviene insistere con il biologico.
Una soluzioneche spesso si sottovaluta e'quella di scoprire anticipatamente le serre, oppure di coprirle esclusivamnente con rete anti insetto.
Quello che vi suggerisco e di stare attenti con la lotta chimica, inquanto sono anti i prodotti validi (Laser, Vertimec, Alverde, Stewart, Match, Clorpirifos, tanti piretroidi), ma è economicamente valida questa lotta.

In pieno campo la situazione è diversa, in quanto l'insetto si dimostra meno aggressivo, ed il numero di generazioni che si susseguono nell'arco di un mese scendono a tre-quattro (in serra non si riescono a contare).

Concordo pienamente.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto giovedì 3 settembre 2009 - 12:07

Abbiamo pubblicato una mappa con le segnalazioni relative alla Tuta absoluta. E' disonibile qui, su Agronotizie.
Naturalmente serve solo a fini informativi: le segnalazioni vanno opportunamente inviate ai Servizi fitosanitari regionali

rispondi

RE: suggerimenti per combattere la TUTA

Scritto venerdì 11 settembre 2009 - 21:20

occhi78 wrote:

In Sicilia quest'anno la situazione è stata assolutamente incontrollabile, ho visto intere produzioni andare in "fumo",
comunque le trappole a ferormoni hanno dato discreti risultatisopratutto quelle fatte in casa con acqua ed olio.
Ad ogni modo si vocifera di un nuovo prodotto in fase di registrazione "AFFIRM", speriamo che sia utile a debellare il maledetto lepidottero.

L'Affirm funziona come gli altri prodotti che normalmente vengono utilizzati per il controllo della tuta... Tuttavia Un'ulteriore arma in più per scongiurare il rischio resistenza.
Saluti.

rispondi

Tignola del Pomodoro

Scritto domenica 13 settembre 2009 - 13:44

Quale difesa impiegare per la lotta contro la tignola del pomodoro "Tuta absoluta"?

rispondi

RE: Tignola del Pomodoro

Scritto giovedì 17 settembre 2009 - 13:26

ortolano82 wrote:

Quale difesa impiegare per la lotta contro la tignola del pomodoro "Tuta absoluta"?

Coolciao, ti cosiglio l'ALVERDE della Basf, alla dose di 1 lt. x ha.
mandi Fitogest

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto venerdì 18 settembre 2009 - 07:46

CristianoSpadoni wrote:

segnalazioni relative alla Tuta absoluta. E' disponibile qui, su Agronotizie.

Aggiungo all'informazione del collega Cristiano che al momento sono registrati su Tta solo Indoxacarb (Steward della Dupont) e i prodotti a base di Spinosad. Per quanto gli insetticidi efficaci sui lepidotteri in genere siano parecchi, è bene ricordare la differenza tra "funzionare" e poter essere applicato. I numerosi casi di resistenze a IGR e piretroidi registrati già all'estero, consigliano inoltre di alternare sempre i principi attivi nel corso dell'anno. Come dice il saggio: "un po' per uno, non fa male a nessuno.." Occhiolino

rispondi

RE: Tignola del Pomodoro

Scritto giovedì 1 ottobre 2009 - 16:30

duca73 wrote:

ortolano82 wrote:
Quale difesa impiegare per la lotta contro la tignola del pomodoro "Tuta absoluta"?

Coolciao, ti cosiglio l'ALVERDE della Basf, alla dose di 1 lt. x ha.
mndi Fitogest

Salve a tutti,

sono un rivenditore di prodotti agrozootecnici e posso portare varie testimonianze dirette e indirette. Sui pomodori ha avuto un buon effetto la miscela tra SPINOSAD e INDOXACARB. Chi ha usato questi insetticidi tutt'ora sta raccogliendo i frutti, altre persone che hanno usato dei normali piretroidi hanno visto perdere giorno per giorno frutti e piante. Altra miscela che ha avuto buoni risultati, tempo di carenza e colture registrate permettendo, è stato CLORPIRIFOS 45% con ALFACIPERMETRINA 14,5%, unica miscela che ha dato buoni risultati anche sui cavoli e altre colture.
Nella provincia di Napoli, l'effetto Tuta absoluta è stato davvero forte. Spero che le Imprese di produzione del settore riescano a studiare qualche prodotto che risolva davvero il problema e non sia solo un palliativo.

Saluti
Raff

rispondi

RE: Tignola del Pomodoro

Scritto giovedì 1 ottobre 2009 - 19:29

rafmon wrote:

Salve a tutti,

sono un rivenditore di prodotti agrozootecnici e posso portare varie testimonianze dirette e indirette. Sui pomodori ha avuto un buon effetto la miscela tra SPINOAD e INDOXACARB. Chi ha usato questi insetticidi tutt'ora sta raccogliendo i frutti, altre persone che hanno usato dei normali piretroidi hanno visto perdere giorno per giorno frutti e piante. Altra miscela che ha avuto buoni risultati, tempo di carenza e colture registrate permettendo, è stato CLORPIRIFOS 45% con ALFACIPERMETRINA 14,5%, unica miscela che ha dato buoni risultati anche sui cavoli e altre colture.
Nella provincia di Napoli, l'effetto Tuta absoluta è stato davvero forte. Spero che le Imprese di produzione del settore riescano a studiare qualche prodotto che risolva davvero il problema e non sia solo un palliativo.

Saluti
Raff

Concordo, per mia esperienza queste miscele che hai suggerito rispondono bene, tenendo conto che bisogna capire qual'è il momento in cui l'insetto ovidepone, di modo da ridurre al massimo i trattamenti oltre per problemi di residui anche per evitare fenomeni di resistenza da parte dell'insetto!!!
Saluti Giuseppe

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto venerdì 23 ottobre 2009 - 17:27

Caro Giuseppe,
sono un tecnico nella fascia trasformata del Ragusano. Ti informo già a priori che questo lepidottero è molto pericoloso, in quanto ha già dimostrato notevoli doti in resistenza incroiata a molte molecole. Un approccio efficace da me testato (mi è stato consigliato) è l'uso contemporaneo di un piretroide quale la Lambda-Cialotrina, un chitino inibitore quale il Lufenuron e un olio raffinato o estivo.
Ti assicuro che si è notato subito un netto potere abbattente, dato dal piretroide, un effetto su tutte le forme, mobili e uova, dati dal chitino inibitore e dall'olio.
Ti consiglio in ogni caso di utilizzare anche i sistemi di controllo come trappole ed esche per cattura massale. Queste ultime molto efficaci quelle ad acqua. So comunque di una nuova molecola che dovrebbe uscire a breve, molto specifica, Emamectina benzoato. Bisognerà testarla, ma garantisce già una nuova arma per la rotazione.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto martedì 27 ottobre 2009 - 23:31

Ragazzi, problema risolto con l'innovativo NEW PLANT. Per info contattatemi: GIOVANNI +393347483284.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto mercoledì 25 novembre 2009 - 23:31

Merkuzio wrote:

Caro Giuseppe,
sono un tecnico nella fascia trasformata del Ragusano. Ti informo già a priori che questo lepidottero è molto pericoloso, in quanto ha già dimostrato notevoli doti i resistenza incrociata a molte molecole. Un approccio efficace da me testato (mi è stato consigliato) è l'uso contemporaneo di un piretroide quale la Lambda-Cialotrina, un chitino inibitore quale il Lufenuron e un olio raffinato o estivo.
Ti assicuro che si è notato subito un netto potere abbattente, dato dal piretroide, un effetto su tutte le forme, mobili e uova, dati dal chitino inibitore e dall'olio.
Ti consiglio in ogni caso di utilizzare anche i sistemi di controllo come trappole ed esche per cattura massale. Queste ultime molto efficaci quelle ad acqua. So comunque di una nuova molecola che dovrebbe uscire a breve, molto specifica, Emamectina benzoato. Bisognerà testarla, ma garantisce già una nuova arma per la rotazione.

Sai per caso se la Syngenta ha fatto prove di lotta specifiche contro T. absoluta con la nuova molecola?
So che tale sostanza attiva è stata presentata alle Giornate Fitopatologiche di Bologna, ma non ho gli atti.
Per adesso, da quanto sento in giro, l'orientamento per la difesa è quello che hai riferito.
Alessandro

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto giovedì 26 novembre 2009 - 07:30

alessandro44 wrote:

Sai per caso se la Syngenta ha fatto prove di lotta specifiche contro T. absoluta con la nuova molecola?
So che tale sostanza attiva è stata presentata alle Giornate Fitoatologiche di Bologna, ma non ho gli atti.
Per adesso, da quanto sento in giro, l'orientamento per la difesa è quello che hai riferito.
Alessandro


Caro Alessandro io ho già visto qualche prova quà in zona. Per quanto riguarda gli atti ti posso passare questo link che riporta direttamente al minisito di Syngenta.
http://www.lepidotteri-dannosi.it
Ricordo inoltre che Spinosad 44% è stato registrato per Tuta absoluta, con decreto rilasciato all'azienda anche se non pubblicato in gazzetta ufficiale.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto venerdì 11 dicembre 2009 - 08:58

CristianoSpadoni wrote:

Abbiamo pubblicato una mappa con le segnalazioni relative lla Tuta absoluta. E' disponibile qui, su Agronotizie.
Naturalmente serve solo a fini informativi: le segnalazioni vanno opportunamente inviate ai Servizi fitosanitari regionali

Mappa aggiornata con la segnalazione della Toscana

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto lunedì 14 dicembre 2009 - 10:16

CristianoSpadoni wrote:


Ora ho aggiunto anche la segnalazione di un evento in Basilicata sulla Tuta absoluta

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto mercoledì 16 dicembre 2009 - 21:15

Salve, in Toscana abbiamo avuto ottimi risultati con il Coragen (Du Pont) come adulticida + lo Stewart (ovicida).
Nei casi peggiori consiglio il trattamento con Codacide che ha un'ottimo potere abbatente con azione fisica sugli adulti.
Se avete bisogno contattantemi.

LORENZO
Flora Toscana

rispondi

RE: Tignola del Pomodoro

Scritto giovedì 17 dicembre 2009 - 11:25

Buongiorno,
mi permetto di dissentire sulla miscela indoxacarb-spinosad per una ragione molto semplice: su Tuta absoluta é importante preservare le molecole dall'eventuale insorgenza di resistenze, ertanto meccanismi d'azione diversi vanno alternati e non sommati. Suggerisco invece di utilizzare indoxacarb per non più di due volte di seguito in associazione con un olio vegetale (molto importante questo aspetto dato che si tratta di un fillominatore) tipo olio di colza (ad esempio Codacide) e poi intervenire con spinosad, anche qui per non più di 1-2 volte e ripetere quasta alternanza secondo necessitá, intervallando magari con del Delfin (Bacillus thuringiensis) e nel rispetto del numero massimo di interventi riportato in etichetta.


Cordiali Saluti
Renzo Pedretti
giuseppemiglia wrote:

rafmon wrote:

Salve a tutti,

sono un rivenditore di prodotti agrozootecnici e posso portare varie testimonianze dirette e indirette. Sui pomodori ha avuto un buon effetto la miscela tra SPINOSAD e INDOXACARB. Chi ha usato questi insetticidi tutt'ora sta raccogliendo i frutti, altre persone che hanno usato dei normali piretroidi hanno visto perdere giorno per giorno frutti e piante. Altra miscela che ha avuto buoni risultati, tempo di carenza e colture registrate permettendo, è stato CLORPIRIFOS 45% con ALFACIPERMETRINA 14,5%, unica miscela che ha dato buoni risultati anche sui cavoli e altre colture.
Nella provincia di Napoli, l'effetto Tuta absoluta è stato davvero forte. Spero che le Imprese di produzione del settore riescano a studiare qualche prodotto che risolva davvero il problema e non sia solo un palliativo.

Saluti
Raff

Concordo, per mia esperienza queste miscele che hai suggerito rispondono bene, tenendo conto che bisogna capire qual'è il momento in cui l'insetto ovidepone, di modo da ridurre al massimo i trattamenti oltre per problemi di residui anche per evitare fenomeni di resistenza da parte dell'insetto!!!
Saluti Giuseppe

rispondi

tuta absoluta

Scritto mercoledì 17 marzo 2010 - 20:20

Sta arrivando la primavera e con lei ritorna il problema della tuta absoluta.
Come difendersi?
Come prevenire un suo attacco?

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto giovedì 18 marzo 2010 - 17:43

silviasai wrote:

Sta arrivando la primavera e con lei ritorna il problema della tuta absoluta.
Come difendersi?
Come prevenire un suo attacco?

Molto felice Buonasera,
per la Tuta absoluta ti cosiglio Alverde della Basf alla dose di 1 lt per ettaroFitogest

rispondi

RE: Tignola del Pomodoro

Scritto venerdì 19 marzo 2010 - 17:39

renzodp wrote:

Buongiorno,
mi permetto di dissentire sulla miscela indoxacarb-spinosad per una ragione molto semplice: su Tuta absoluta é importante preservare le molecole dall'eventuale insorgenz di resistenze, pertanto meccanismi d'azione diversi vanno alternati e non sommati. Suggerisco invece di utilizzare indoxacarb per non più di due volte di seguito in associazione con un olio vegetale (molto importante questo aspetto dato che si tratta di un fillominatore) tipo olio di colza (ad esempio Codacide) e poi intervenire con spinosad, anche qui per non più di 1-2 volte e ripetere quasta alternanza secondo necessitá, intervallando magari con del Delfin (Bacillus thuringiensis) e nel rispetto del numero massimo di interventi riportato in etichetta.


Cordiali Saluti
Renzo Pedretti
giuseppemiglia wrote:

rafmon wrote:

Salve a tutti,

sono un rivenditore di prodotti agrozootecnici e posso portare varie testimonianze dirette e indirette. Sui pomodori ha avuto un buon effetto la miscela tra SPINOSAD e INDOXACARB. Chi ha usato questi insetticidi tutt'ora sta raccogliendo i frutti, altre persone che hanno usato dei normali piretroidi hanno visto perdere giorno per giorno frutti e piante. Altra miscela che ha avuto buoni risultati, tempo di carenza e colture registrate permettendo, è stato CLORPIRIFOS 45% con ALFACIPERMETRINA 14,5%, unica miscela che ha dato buoni risultati anche sui cavoli e altre colture.
Nella provincia di Napoli, l'effetto Tuta absoluta è stato davvero forte. Spero che le Imprese di produzione del settore riescano a studiare qualche prodotto che risolva davvero il problema e non sia solo un palliativo.

Saluti
Raff

Concordo, per mia esperienza queste miscele che hai suggerito rispondono bene, tenendo conto che bisogna capire qual'è il momento in cui l'insetto ovidepone, di modo da ridurre al massimo i trattamenti oltre per problemi di residui anche per evitare fenomeni di resistenza da parte dell'insetto!!!
Saluti Giuseppe

Salve, vedo che rispetto l'anno scorso ci sono state numerose prove e pieni risultati in diversi modi.
Personamente posso dire che riceviamo notevoli consensi dall'impiego di NEW PLANT che oltre tutto, cosa non da trascurare, è assolutamente innocuo. La sua efficacia spazia anche su altre colture ed in diverse condizioni, comunque chi ha usato il NEW PLANT si è trovato molto bene.

rispondi

RE: Tignola del Pomodoro

Scritto venerdì 19 marzo 2010 - 17:39

renzodp wrote:

Buongiorno,
mi permetto di dissentire sulla miscela indoxacarb-spinosad per una ragione molto semplice: su Tuta absoluta é importante preservare le molecole dall'eventuale insorgenz di resistenze, pertanto meccanismi d'azione diversi vanno alternati e non sommati. Suggerisco invece di utilizzare indoxacarb per non più di due volte di seguito in associazione con un olio vegetale (molto importante questo aspetto dato che si tratta di un fillominatore) tipo olio di colza (ad esempio Codacide) e poi intervenire con spinosad, anche qui per non più di 1-2 volte e ripetere quasta alternanza secondo necessitá, intervallando magari con del Delfin (Bacillus thuringiensis) e nel rispetto del numero massimo di interventi riportato in etichetta.


Cordiali Saluti
Renzo Pedretti
giuseppemiglia wrote:

rafmon wrote:

Salve a tutti,

sono un rivenditore di prodotti agrozootecnici e posso portare varie testimonianze dirette e indirette. Sui pomodori ha avuto un buon effetto la miscela tra SPINOSAD e INDOXACARB. Chi ha usato questi insetticidi tutt'ora sta raccogliendo i frutti, altre persone che hanno usato dei normali piretroidi hanno visto perdere giorno per giorno frutti e piante. Altra miscela che ha avuto buoni risultati, tempo di carenza e colture registrate permettendo, è stato CLORPIRIFOS 45% con ALFACIPERMETRINA 14,5%, unica miscela che ha dato buoni risultati anche sui cavoli e altre colture.
Nella provincia di Napoli, l'effetto Tuta absoluta è stato davvero forte. Spero che le Imprese di produzione del settore riescano a studiare qualche prodotto che risolva davvero il problema e non sia solo un palliativo.

Saluti
Raff

Concordo, per mia esperienza queste miscele che hai suggerito rispondono bene, tenendo conto che bisogna capire qual'è il momento in cui l'insetto ovidepone, di modo da ridurre al massimo i trattamenti oltre per problemi di residui anche per evitare fenomeni di resistenza da parte dell'insetto!!!
Saluti Giuseppe

Salve, vedo che rispetto l'anno scorso ci sono state numerose prove e pieni risultati in diversi modi.
Personamente posso dire che riceviamo notevoli consensi dall'impiego di NEW PLANT che oltre tutto, cosa non da trascurare, è assolutamente innocuo. La sua efficacia spazia anche su altre colture ed in diverse condizioni, comunque chi ha usato il NEW PLANT si è trovato molto bene.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto domenica 21 marzo 2010 - 17:50

CORAGEN - DU PONT
VYDATE 10L - DU PONT

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto mercoledì 24 marzo 2010 - 08:59

Sull'ultimo numero di Agronotizie è stato pubblicato l'articolo "Tuta absoluta, la Liguia corre ai ripari".
Saluti e buona lettura.

Igor Fitogest

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto venerdì 26 marzo 2010 - 14:21

Direi che Emamectina Benzoato (Affirm) potrebbe dare ottimi risultati.

Saluti

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto venerdì 26 marzo 2010 - 14:42

Steward + Cocide migliore soluzione!
Da alternare con prodotti a diverso meccanismo di azione.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto venerdì 26 marzo 2010 - 17:47

fuorisuolo.it wrote:

Direi che Emamectina Benzoato (Affirm) potrebbe dare ottimi risultati.

Saluti


Già è stato provato sulla tuta absoluta? Dà ottimi risultati come il Succes e lo Stewar?
La ringranzio in anticipo per la sua risposta

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto venerdì 26 marzo 2010 - 21:17

silviasai wrote:

fuorisuolo.it wrote:
Direi che Emamectina Benzoato (Affirm) potrebbe dare ottimi risultati.

Saluti


Già è stato provato sulla tuta absoluta? Dà ottimi risultati come ilSucces e lo Steward? La ringranzio in anticipo per la sua risposta

Ottimi, dura da Natale a S. Stefano! Felice

A parte gli scherzi, il prodotto funziona ma appunto... molto limitatamente nel tempo, pertanto è necessario continuare a ripetere i trattamenti a danno economico per l'operatore.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto sabato 27 marzo 2010 - 18:15

renzodp wrote:

Steward + Codacide migliore soluzione!
Da alternare con prodotti a diverso meccanismo di azione.

Importante comunque è sempre la perfetta chiusura delle serre e l'applicazioe di tutte le misure agronomiche atte ad evitare le reinfestazioni.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto lunedì 29 marzo 2010 - 18:46

State però molto attenti ai bombi... Lo steward per loro non è esattamente "digeribile"!

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto sabato 1 maggio 2010 - 19:38

ATTENZIONE L'AFFIRM NON E' REGISTRATO SU POMODORO I NAS MENANO!!!!Molto feliceMolto feliceMolto feliceMolto felice

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto domenica 2 maggio 2010 - 10:35

L'Affirm è in fase di registrazione anche su pomodoro. Se ne attende l'autorizzazione all'impiego nell'arco di poco tempo.

Saluti.


memmo wrote:

ATTENZIONE L'AFFIRM NON E' REGISTRATO SU POODORO I NAS MENANO!!!!Molto feliceMolto feliceMolto feliceMolto felice

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto domenica 2 maggio 2010 - 14:11

Bene ragazzi,
è arrivata anche in Puglia. Ho letto qui e là buoni consigli, comunque converrebbe eliminare le foglie colpite e bruciarle, per me che ho 3000 mt di serre sarebbe un lavoro abbastanza vloce visto che l'attacco è ancora di piccole dimensioni. Ho già trattato con Spinosad: mi hanno consigliato di alternare Bacillus, Spinosad e Steward.
Voi che ne dite?

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto lunedì 3 maggio 2010 - 18:58

Salve a tutti il mio nome è Guglielmo sono agente della Eugen seed; inoltre sono anche l'Agronomo di una rivendita di agrofarmaci. Per quanto riguarda il problema TUTA ABSOLUTA lo si può tamponare a lvello di adulti, mentre a livello di uova e larve la soluzione è attuale; infatti io consiglio sempre di fare dei trattamenti preventivi e curativi con:
- Biorex (emulsione oleosa)
- Perfil (si è rivelato un ottimo ovicida registrato su orticole)
- Bacillus(attenzione al ceppo che si impiega è molto importante per la buona riuscita del trattamento)
- Alverde
Inoltre è stato notato che alcune varietà di pomodoro come il Montalbano, Vipera, Bazooka, e Marinaio hanno mostrato una particolare catarifragenza all'insetto.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto martedì 4 maggio 2010 - 06:09

Io ho visto pomodori trattati con Biorex e direi che più che altro sono stati "maltrattati".
Sinceramente non capisco come si possa, anche in un forum così, permettersi di scrivere certe cose. Perchè visto che questi prodotti sono così miracolosi, non lo scrivono sull'etichetta? Perchè non scrivono sull'etichetta che combattono il ragnetto o la tuta o quant'altro? Io resto sempre più dell'idea che se non si regolamenta per bene il nostro settore avremo sempre problemi.
Massimo rispetto per chi vende o rappresenta prodotti ma facciano il loro mestiere e non forniscano assistenza tecnica a basso o nullo costo (apparente).
Sto cercando in tutte le maniere di spingere affinchè si possa adottare in Italia una specie di Servizio Agronomico Nazionale sulla scorta, in meglio, del Servizio Sanitario Nazionale. Allora si che chi fa l'agronomo farà l'agronomo, chi fa il rappresentante del fitofarmaco farà il rappresentante e i rivenditori faranno i "farmacisti".
In questa maniera, forse, anche la nostra professionalità potrà essere valorizzata e riconsciuta molto di più di quanto non lo sia adesso.
Dico questo perchè ogni giorno mi scontro con questa situazione sul campo, anzi nei campi.

Saluti a tutti.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto martedì 4 maggio 2010 - 10:45

memmo wrote:

Salve a tutti il mio nome è Guglielmo sono agente della Eugen seed; inoltre sono anche l'Agronomo di una rivendita di agrofarmaci. Per quanto riguarda il problema TUTA ABSOLUTA lo si pu tamponare a livello di adulti, mentre a livello di uova e larve la soluzione è attuale; infatti io consiglio sempre di fare dei trattamenti preventivi e curativi con:
- Biorex (emulsione oleosa)
- Perfil (si è rivelato un ottimo ovicida registrato su orticole)
- Bacillus (attenzione al ceppo che si impiega è molto importante per la buona riuscita del trattamento)
- Alverde
Inoltre è stato notato che alcune varietà di pomodoro come il Montalbano, Vipera, Bazooka, e Marinaio hanno mostrato una particolare catarifragenza all'insetto.

Come già fatto in altre discussioni, anche qui sono a rinnovare l'invito a divulgare informazioni legalmente corrette sugli agrofarmaci. Nello specifico mi riferisco a PERFIL 10 WP (reg. n. 14024) e ALVERDE (reg. n. 13823) che sono autorizzati per l'impiego sul pomodoro ma in etichetta non riportano Tuta absoluta fra gli spettri d'azione previsti. Ricordo infatti che per gli agrofarmaci è tutt'ora valido il vincolo legale d'impiego sulle sole avversità riportate in etichetta ministeriale.
Non ho trovato informazioni esaustive su Biorex, quindi non posso esprimermi in merito.
Grazie a tutti per l'attenzione!

Igor Fitogest

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto martedì 4 maggio 2010 - 18:05

Caro Igor,
sono d'accordo con quanto hai scritto. In più ti dico che non hai trovato informazioni esaustive sul BIOREX semplicemente perchè non esistono.
Non esiste alcuna evidenza scientifica che pssa funzionare.
Non esistono studi universitari, come invece è stato detto da chi lo ha proposto nel tempo (chi lo ha proposto è stato sempre chi lo vende, lo produce o lo rappresenta).
Esiste solo una mia ipotesi riguardante l'azione del BIOREX sulle piante nel lungo periodo, basata sull'osservazione delle stesse: di seguito la riporto.
Il BIOREX è un olio vegetale probabilmente, almeno in parte, transesterificato ed emulsionato con un tensioattivo commerciale. In aggiunta viene dato un "catalizzatore" che, probabilmente, nient'altro è che Acido Ortosilicico. Il prodotto viene usato (sotto suggerimento di chi lo vende) ai seguenti dosaggi:
1 litro + 500 gr di Solfato di Magnesio ogni 100 litri di soluzione; la soluzione viene poi acidificata a pH 5,5. Il prodotto va distribuito a cadenza settimanale.
Il risultato è il seguente:
sia il ragnetto, sia alcuni insetti (fra cui anche la tuta) subiscono una forte riduzione della popolazione ma il problema che si ha sulle piante è ben maggiore; le piante limitano la traspirazione (limitano quindi il consumo di acqua che le termoregola e che, in parte, regola la fotosintesi) e chiudono gli stomi limitando gli scambi gassosi (essenzialmente la CO2) con l'ambiente esterno; se ricordiamo la formula della fotosintesi clorofilliana (scusate se la riporto):

6CO2 + 6H2O + energia => 6C6H12O6 + 6O2

appare evidente come, riducendo il consumo di acqua e riducendo il consumo di CO2, si riduce la quantità di zuccheri prodotti, quindi di sostanza secca, quindi di sostana fresca, cioè di produzione vendibile.

In pratica, se anche la riduzione dell'infestazione ci può essere (a quale prezzo!), a che pro, se avrò una drastica riduzione del prodotto vendibile?

Ne potrei parlare molto di più, ma penso che questo basti.
Si badi che di questi prodotti "miracolosi" che hanno "numerosi altri effetti benefici sulle piante" ne esistono a decine sul mercato.

Saluti

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto martedì 27 luglio 2010 - 16:44

Salve Gianni,
Sono Antonio, un tecnico della provincia di Bari.
Abbiamo anche qui la Tuta ma gli unici prodotti che funzionano sono Spinosad e Affirm. Devi acidificare l'acqua con un prodotto compleo che agisca come acidificante, bagnante e disperdente (è difficile trovarlo). Utilizza questo prodotto insieme a Imidacloprid alla dose di 300 cc/1000 mq. E' la soluzione che dà più risultati.
Ciao

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto martedì 27 luglio 2010 - 16:47

fuorisuolo.it wrote:

L'Affirm è in fase di registrazione anche su pomodoro. Se ne attende l'autorizzazione all'impiego nell'arco di poco tempo.

Saluti.


memmo wrote:

Attenzione, l'Affirmnon è registrtao su pomodoro! I NAS menano!!!!Molto feliceMolto feliceMolto feliceMolto felice

Aggiornati, è stato registrato

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto martedì 27 luglio 2010 - 18:39

Se hai risposto a me, all'epoca in cui ho postato la risposta AFFIRM non era ancora registrato per Tuta su Pomodoro.

marzoccabiot wrote:

fuorisuolo.it wrote:
L'Affirm è in fase di registrazioneanche su pomodoro. Se ne attende l'autorizzazione all'impiego nell'arco di poco tempo.

Saluti.


memmo wrote:

Attenzione, l'Affirm non è registrato su pomodoro! I NAS menano!!!!Molto feliceMolto feliceMolto feliceMolto felice

Aggiornati, è stato registrato

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto martedì 27 luglio 2010 - 20:55

marzoccabiot wrote:

Salve Gianni,
Sono Antonio, un tecnico della provincia di Bari.
Abbiamo anche qui la Tuta ma gli unici prodotti che funzionano sono Spinosad e Affirm. Devi acidificare l'acqua on un prodotto completo che agisca come acidificante, bagnante e disperdente (è difficile trovarlo). Utilizza questo prodotto insieme a Imidacloprid alla dose di 300 cc/1000 mq. E' la soluzione che dà più risultati.
Ciao

Ovviamente con l'uso di Imidacloprid NON puoi usare bombi per l'impollinazione.
Per quanto riguarda l'uso di "ACIDIFICANTE BAGNANTE E DISPERDENTE" si può benissimo agire con un ACIDIFICANTE e un BAGNANTE separatamente.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto mercoledì 28 luglio 2010 - 06:30

fuorisuolo.it wrote:

marzoccabiot wrote:
Salve Gianni,
Sono Antonio, un tecnico della provincia di Bari.
Abbiamo anche qui la Tuta ma gli unici prodotti che funzionano sono Spinosad e Affirm. Dei acidificare l'acqua con un prodotto completo che agisca come acidificante, bagnante e disperdente (è difficile trovarlo). Utilizza questo prodotto insieme a Imidacloprid alla dose di 300 cc/1000 mq. E' la soluzione che dà più risultati.
Ciao

Ovviamente con l'uso di Imidacloprid NON puoi usare bombi per l'impollinazione.
Per quanto riguarda l'uso di "ACIDIFICANTE BAGNANTE E DISPERDENTE" si può benissimo agire con un ACIDIFICANTE e un BAGNANTE separatamente.


Oggi ci sono ottimi prodotti che aiutano l'allegagione e la crescita della frutta, tanto che puoi fare a meno dei bombi.
Visita il sito www.caprara.it vedi Hort e Hormon

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto mercoledì 28 luglio 2010 - 13:29

marzoccabiot wrote:

fuorisuolo.it wrote:
marzoccabiot wrote:
Salve Gianni,
Sono Antonio, un tecnico della provincia di Bari.
Abbiamo anche qui la Tuta ma gli unici prodotti che funzionano sonoSpinosad e Affirm. Devi acidificare l'acqua con un prodotto completo che agisca come acidificante, bagnante e disperdente (è difficile trovarlo). Utilizza questo prodotto insieme a Imidacloprid alla dose di 300 cc/1000 mq. E' la soluzione che dà più risultati.
Ciao

Ovviamente con l'uso di Imidacloprid NON puoi usare bombi per l'impollinazione.
Per quanto riguarda l'uso di "ACIDIFICANTE BAGNANTE E DISPERDENTE" si può benissimo agire con un ACIDIFICANTE e un BAGNANTE separatamente.


Oggi ci sono ottimi prodotti che aiutano l'allegagione e la crescita della frutta, tanto che puoi fare a meno dei bombi.
Visita il sito www.caprara.it vedi Hort e Hormon

Se è per questo ne esistono tanti altri molto più noti e comunemente usati ma che, comunque, non potranno mai sostituire l'impollinazione entomofila in quanto la qualità del prodotto finale sarà sempre nettamente inferiore. Agli alleganti si ricorre solo in casi estremi, ma è meglio non cacciarsi nei guai usando neonicotinoidi come IMIDACLOPRID.
In più non mi hai ancora detto se ti riferivi a me quando hai detto "Aggiornati" circa l'AFFIRM

rispondi

Tuta absoluta

Scritto domenica 1 agosto 2010 - 12:36

Nelle mie zone, in serra, insieme a trappole a ferormoni per la cattura massale (ho visto spesso usare Attila, abbinandoci un ferormone, dicoo che è un pò cara ma molto efficace!) vengono utilizzati INDOXACARB, EMAMECTINA BENZOATO, SPINOSAD (spesso usato in miscela con BACILLUS e AZADIRACTINA) alternandoli.
Utile è sicuramente isolare le serre con doppie aperture e reti, asportare i residui di vegetali, l'uso della pacciamatura, qualcuno utilizza le pioggerelle dall'alto (attenzione a problemi fitosanitari) magari in abbinamento a saponi.
La conoscenza dell'insetto e dei suoi cicli vitali è essenziale e questo sito: www.tutaabsoluta.it aiuta.

Saluti Orazio e buon 'controllo'

P.S. Attenzione (per qualcuno non attento Occhiolino ...), il Coragen non è ancora rigistrato su pomodoro! Forse per fine 2010 ... speriamo!

rispondi

RE: Tuta absoluta

Scritto lunedì 2 agosto 2010 - 14:39

Corretto Orazio, ma mi permetto di ricordare che non sará Coragen ad essere registrato su pomodoro, ma Altacor, una diversa formulazione di Rynaxypyr, specifica per le orticole, al 35% di principio ativo.
Buona giornata e buona difesa a tutti!

Orazio wrote:

Nelle mie zone, in serra, insieme a trappole a ferormoni per la cattura massale (ho visto spesso usare Attila, abbinandoci un ferormone, dicono che è un pò cara ma molto efficace!) vengono utilizzati INDOXACARB, EMAMECTINA BENZOATO, SPINOSAD (spesso usato in miscela con BACILLUS e AZADIRACTINA) alternandoli.
Utile è sicuramente isolare le serre con doppie aperture e reti, asportare i residui di vegetali, l'uso della pacciamatura, qualcuno utilizza le pioggerelle dall'alto (attenzione a problemi fitosanitari) magari in abbinamento a saponi.
La conoscenza dell'insetto e dei suoi cicli vitali è essenziale e questo sito: www.tutaabsoluta.it aiuta.

Saluti Orazio e buon 'controllo'

P.S. Attenzione (per qualcuno non attento Occhiolino ...), il Coragen non è ancora rigistrato su pomodoro! Forse per fine 2010 ... speriamo!

rispondi

Nuovo metodo di attacco della Tuta absoluta

Scritto giovedì 2 settembre 2010 - 18:04

Salve,
oggi stesso ho notato nella mia piantagione di pomodoro verde (secondo palco), che le foglie della pianta sono completamente pulite da Tuta absoluta, invece nella parte angolare tra foglia e fsto della pianta c'è l'insetto che vuole entrare all'interno della pianta.
Secondo voi, per difendermi meglio, non è il caso di usare prodotti sistemici, magari anche per fertirrigazione? Se sì, quali?
Grazie per il vostro aiuto

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto sabato 2 aprile 2011 - 11:12

mscacco wrote:

Caro Igor,
sono d'accordo con quanto hai scritto. In più ti dico che non hai trovato informazioni esaustive sul BIOREX semplicemente perchè non esistono.
Non esiste alcuna evidenza scientifica che possa funzionare.
Non esistono studi universitari, come invece è stato detto da chi lo ha proposto nel tempo (chi lo ha proposto è stato sempre chi lo vende, lo produce o lo rappresenta).
Esiste solo una mia ipotesi riguardante l'azione del BIOREX sulle piante nel lungo periodo, basata sull'osservazione delle stesse: di seguito la riporto.
Il BIOREX è un olio vegetale probabilmente, almeno in parte, transesterificato ed emulsionato con un tensioattivo commerciale. In aggiunta viene dato un "catalizzatore" che, probabilmente, nient'altro è che Acido Ortosilicico. Il prodotto viene usato (sotto suggerimento di chi lo vende) ai seguenti dosaggi:
1 litro + 500 gr di Solfato di Magnesio ogni 100 litri di soluzione; la soluzione viene poi acidificata a pH 5,5. Il prodotto va distribuito a cadenza settimanale.
Il risultato è il seguente:
sia il ragnetto, sia alcuni insetti (fra cui anche la tuta) subiscono una forte riduzione della popolazione ma il problema che si ha sulle piante è ben maggiore; le piante limitano la traspirazione (limitano quindi il consumo di acqua che le termoregola e che, in parte, regola la fotosintesi) e chiudono gli stomi limitando gli scambi gassosi (essenzialmente la CO2) con l'ambiente esterno; se ricordiamo la formula della fotosintesi clorofilliana (scusate se la riporto):

6CO2 + 6H2O + energia => 6C6H12O6 + 6O2

appare evidente come, riducendo il consumo di acqua e riducendo il consumo di CO2, si riduce la quantità di zuccheri prodotti, quindi di sostanza secca, quindi di sostana fresca, cioè di produzione vendibile.

In pratica, se anche la riduzione dell'infestazione ci può essere (a quale prezzo!), a che pro, se avrò una drastica riduzione del prodotto vendibile?

Ne potrei parlare molto di più, ma penso che questo basti.
Si badi che di questi prodotti "miracolosi" che hanno "numerosi altri effetti benefici sulle piante" ne esistono a decine sul mercato.

Saluti

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto giovedì 7 aprile 2011 - 00:03

Negli ultimi trent’anni, nei paesi sud-americani d’origine, Tuta ha sviluppato un vario grado di resistenza a diversi insetticidi tra cui fosforganici, piretroidi e regolatori di crescita. Alcuni prodotti molto efficaci nei primi anni sono diventati inservibili. Attualmente sono due i modi d’azione insetticida (MoA) ritenuti più validi su Tuta in base alla classificazione IRAC4: il MoA 22 (voltage dependant sodium channel blockers) e il MoA 5 (nicotinic acetylcholine receptor allosteric activators - spinosyns). Tra le nuove molecole sperimentate, alcune appartenenti al MoA 6 (chlorine channel activators) e al MoA 28 (ryanodine receptor modulators) hanno manifestato forte attività su Tuta.
Alverde,Steward, Spinosad ed in particolare Coragen che sarà registrato a breve hanno manifestato un elevata efficacia.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto giovedì 7 aprile 2011 - 00:03

Negli ultimi trent’anni, nei paesi sud-americani d’origine, Tuta absoluta ha sviluppato un vario grado di resistenza a diversi insetticidi tra cui fosforganici, piretroidi e regolatori di crescita. Alcuni prodotti molto efficaci nei primi anni sono diventati inservibili. Attualmente sono due i modi d’azione insetticida (MoA) ritenuti più validi su Tuta in base alla classificazione IRAC4: il MoA 22 (voltage dependant sodium channel blockers) e il MoA 5 (nicotinic acetylcholine receptor allosteric activators - spinosyns). Tra le nuove molecole sperimentate, alcune appartenenti al MoA 6 (chlorine channel activators) e al MoA 28 (ryanodine receptor modulators) hanno manifestato forte attività su Tuta.
Alverde, Steward, Spinosad ed in particolare Coragen che sarà registrato a breve hanno manifestato un elevata efficacia.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto giovedì 7 aprile 2011 - 08:39

Il formulato commerciale di Rynaxypyr che verrá registrato su pomodoro per la difesa da Tuta absoluta avrá il nome commerciale di Altacor, mentre Coragen é il formulato per la difesa dei fruttiferi, della vite e della patata.
pentaplus03 wrote:

Negli ultimi trent’anni, nei paesi sud-americani d’origine, Tuta ha sviluppato un vario grado di resistenza a diversi insetticidi tra cui fosforganici, piretroidi e regolatori di crescita. Alcuni prodotti molto efficaci nei primi anni sono diventati inservibili. Attualmente sono due i modi d’azione insetticida (MoA) ritenuti più validi su Tuta in base alla classificazione IRAC4: il MoA 22 (voltage dependant sodium channel blockers) e il MoA 5 (nicotinic acetylcholine receptor allosteric activators - spinosyns). Tra le nuove molecole sperimentate, alcune appartenenti al MoA 6 (chlorine channel activators) e al MoA 28 (ryanodine receptor modulators) hanno manifestato forte attività su Tuta.
Alverde,Steward, Spinosad ed in particolare Coragen che sarà registrato a breve hanno manifestato un elevata efficacia.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto venerdì 8 aprile 2011 - 12:41

renzodp wrote:

Il formulato commerciale di Rynaxypyr che verrá registrato su pomodoro per la difesa da Tuta absoluta avrá il nome commerciale di Altacor, mentre Coragen é il formulato per la difesa dei fruttiferi, della vite e della patata.

Aggiungo che la scheda del Rynaxypyr su Fitogest è disponibile a questo indirizzo web.

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto lunedì 9 settembre 2013 - 17:32

Il trattamento risolutivo è il seguente:

Altacor alla dose di 150 gr/Ha in miscela con Cober Plus a 1,5 ml/Ha

Efficacia garantita!

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto mercoledì 6 novembre 2013 - 10:42

Perché dare il boro con insetticida?

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto mercoledì 6 novembre 2013 - 14:18

nivaba wrote:

Perché dare il boro con insetticida?

La mia ipotesi:
perchè contiene olii essenziali (di arancio) che hanno un effetto genericamente repellente nei confronti degli insetti, dunque, essendo di per sé un concime fogliare, si presta ad essere proposto commercialmente come fertilizzante integrativo al trattamento con l'insetticida di riferimento contro T. absoluta (che è quello che funziona).

rispondi

RE: tuta absoluta

Scritto martedì 12 novembre 2013 - 13:42

nutrigizer wrote:

Il trattamento risolutivo è il seguente:

Altacor alla dose di 150 gr/Ha in miscela con Cober Plus a 1,5 ml/Ha

Efficacia garantita!


Salve,
sono un serricultore e la Tuta absoluta ormai non è più un problema: consiglio Altacor 15/20 gr + acidi umici 1 lt per 1000 mq in irrigazione.

rispondi

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard