Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Batteriosi del pomodoro, un fondo di emergenza al Nord Italia

Il presidente dell'Oi Tiberio Rabboni: "Nessun agricoltore sarà lasciato solo. Risposta compatta della filiera per individuare ogni focolaio"

oi-pomodoro-batteriosi-del-pomodoro-fonte-oi.jpg

La legge regionale prevede un indennizzo fino al 100% della perdita
Fonte foto: © Oi Pomodoro da industria del Nord Italia

Un fondo di emergenza, finanziato dai soci dell’Oi (Organizzazione interprofessionale del pomodoro da industria del Nord Italia), per contrastare il pericolo della diffusione della batteriosi Ralstonia Solanacearum attraverso il riconoscimento anticipato di una parte delle risorse – 3mila euro all’ettaro – previste dalla Regione Emilia Romagna come forma di indennizzo per l’agricoltore il cui campo sia colpito dal diffondersi di una malattia di tipo colturale che pregiudica la crescita della pianta.

Questa è la decisione presa dal comitato di coordinamento dell’Oi per affrontare il problema, la cui presenza è stata riscontrata su 41 ettari complessivi nel territorio della regione Emilia Romagna, con interessamento prevalente di alcuni terreni nelle province di Parma e Ferrara.

"La batteriosi - spiega Tiberio Rabboni, presidente dell’Oi - non ha effetti nocivi sull’uomo, ma colpisce le piante di pomodoro e si diffonde rapidamente, mettendo in crisi la coltura nella nostra area. Le normative prevedono che si disponga l’immediata distruzione in campo delle piante di pomodoro che hanno contratto questa batteriosi, in modo da evitare qualsiasi pericolo di ulteriore diffusione ad altri terreni".

"Il singolo agricoltore colpito non è lasciato solo visto che la legge regionale prevede un indennizzo fino al 100% della perdita subita, commisurata al valore di mercato delle colture distrutte".

Tecnicamente l'anticipazione finanziaria al singolo agricoltore avverrà tramite l'Organizzazione dei produttori a cui è associato oppure tramite l’industria di trasformazione nel caso in cui si ricada nella casistica del contratto diretto.

"Quanto deciso – conclude Rabboni – è una concreta dimostrazione di solidarietà verso i danneggiati e un contributo attivo di tutta la filiera all’auspicabile e rapida eradicazione della batteriosi".

L’operazione di anticipo degli indennizzi, deliberata dal comitato di coordinamento dell’Oi, sarà ora sottoposta all’approvazione dell’assemblea della stessa Oi con contestuale definizione del regolamento di funzionamento del fondo di emergenza.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia
Irritec

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 7 dicembre a 134.345 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy