Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Manutenzione prevista per il 22 agosto I nostri siti non saranno raggiungibili fra le 9 e le 13
Una Mano per i Bambini

Kollant, stop alle lumache

L'esca lumachicida è dotata di un alto potere attrattivo verso tutti i molluschi, che richiamati dall’esca lasciano i loro rifugi naturali
Info aziende
composizione-prodotti-lumachicidi.jpg

Il blocco dell’alimentazione non comporta la disidratazione delle lumache
Fonte foto: © Kollant

Le lumache, chiocciole e limacce, presenti in gran numero nei nostri giardini ed orti, causano seri danni alle colture poiché si nutrono di foglie e steli di piante erbacee, orticole ed ornamentali.

Piogge, tempo umido e annaffiature rappresentano condizioni favorevoli per l’attività dei gasteropodi, ma non hanno alcuna influenza sull’efficienza dei lumachicidi di Kollant, studiati appositamente con formulazione pellettata per resistere ed assorbire l’acqua, diventando più attrattivi per le lumache, le quali preferiscono granuli umidi e ammorbiditi.

Oltre alle tradizionali soluzioni di facile impiego a base di Metaldeide acetica, che si caratterizzano per l’alta efficacia e attrattività e la resistenza a condizioni atmosferiche particolarmente sfavorevoli, Kollant offre anche prodotti a base di fosfato ferrico consentiti in agricoltura biologica.

Questi sono dotati di un alto potere attrattivo verso tutti i molluschi, che richiamati dall’esca lasciano i loro rifugi naturali. I prodotti a base di fosfato ferrico sono dotati inoltre di un meccanismo d’azione innovativo: entro breve tempo dall’assunzione dell’esca le lumache cessano di nutrirsi, con un’immediata protezione delle piante.

Il blocco dell’alimentazione non comporta la disidratazione delle lumache e quindi non è accompagnato da emissione di bava intorno alle piante e cattivi odori. Il prodotto, inoltre, resiste nel tempo senza deteriorarsi, anche in caso di condizioni atmosferiche particolarmente sfavorevoli.

I prodotti della linea a base di fosfato ferrico non contengono sostanze potenzialmente pericolose e comportano un basso rischio per la salute umana e degli animali e per l’ambiente.

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 3 agosto a 131.904 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy