Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Manutenzione prevista per il 22 agosto I nostri siti non saranno raggiungibili fra le 9 e le 13
Una Mano per i Bambini

Diserbo integrato, Veneto Agricoltura è partner del progetto Iwmpraise

L'obiettivo del progetto è quello di ridurre al minimo l’utilizzo di mezzi chimici per avere sistemi colturali più sostenibili, mantenendo la redditività delle imprese
campo-mais-agricoltura-paesaggio-campi-by-smileus-fotolia-750.jpeg

Iwmpraise è il progetto europeo sulla gestione integrata del diserbo
Fonte foto: © Smileus - Fotolia

Un budget complessivo di quasi 7 milioni di euro, 5 anni di sviluppo, 41 partner provenienti da 8 paesi europei (Danimarca, Paesi Bassi, Regno Unito, Italia, Francia, Spagna, Slovenia e Svizzera), comprendendo Università/enti di ricerca, Pmi e industrie, servizi di consulenza, enti e utilizzatori finali. Questi i numeri del nuovo progetto europeo “Iwmpraise, Integrated weed management: practical implementation and solutions for Europe” (in italiano “Gestione integrata del diserbo: implementazione pratica e soluzioni per l’Europa”) iniziato lo scorso mese di giugno che vede Veneto Agricoltura tra i partner. Il progetto è finanziato dal Programma quadro dell’Unione europea per la ricerca e l’innovazione (Horizon 2020) che vede come capofila l’Università danese di Aarhus.

Molto è stato fatto in questi anni per sviluppare e adottare tecniche di difesa integrata, cioè di difesa delle colture dalle diverse avversità (malattie fungine, insetti ed altro) utilizzando al minimo i prodotti chimici, privilegiando gli interventi preventivi e le tecniche biologiche. Si sono così definiti le metodologie di “Ipm, Integrated pest management”. Ora, con il progetto Iwmpraise si vuole adottare lo stesso approccio per il diserbo e il controllo delle malerbe: ridurre al minimo l’utilizzo di mezzi chimici per aumentare la sostenibilità dei sistemi colturali rendendoli più resilienti al cambiamento climatico e alle condizioni meteorologiche senza compromettere la redditività delle imprese e la produzione di derrate alimentari.

In particolare il progetto persegue i seguenti obiettivi:

• definire un pacchetto di misure alternative e integrate di controllo delle malerbe e ottimizzarne l’efficacia e l’applicabilità rispetto a quattro tipologie colturali: colture annuali seminate a righe strette (come il frumento), colture erbacee seminate a righe larghe (come il mais), colture erbacee perenni (come prati e pascoli), colture arboree perenni (come frutteti e vigneti);
• valutare gli impatti economici e ambientali delle strategie di diserbo individuate;
• favorire la loro adozione in tutti i paesi dell’Unione, attraverso una articolata azione divulgativa.

Veneto Agricoltura è parte del cluster italiano (insieme a altri 7 partner italiani tra cui Cnr, Università di Pisa e industrie agromeccaniche) che seguirà il progetto a livello nazionale. A Veneto Agricoltura, in ragione  dell’esperienza maturata con le attività sperimentali sviluppate all'Azienda dimostrativa a Vallevecchia di Caorle (Ve) e più in generale nelle metodologie divulgative, è stato assegnato il compito di seguire le tecniche di diserbo in maiscoltura e più in generale le diverse attività dimostrative del progetto.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 3 agosto a 131.904 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy