Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Registrati gratuitamente la tua agricoltura è online!
Una Mano per i Bambini

Riso biologico e lotta alle infestanti, il vantaggio del trapianto

Sono circa un centinaio gli ettari coinvolti nella sperimentazione della tecnica che ha come punto fermo la germinabilità elevata della varietà

Barbara Righini di Barbara Righini

trapianto-riso-articolo-barbara-righini-luglio-2017-fonte-gianpiero-germano.jpg

L'azienda agricola La Bertolina è la capofila del progetto
Fonte foto: © Gianpiero Germano

Non sarà risolutiva come tecnica ma dà un buon vantaggio sulle malerbe, in regime di coltivazione biologica per il riso: trapiantare il riso invece di seminarlo, recuperando una tecnica antica, può essere un modo per partire con il piede giusto.

Da un paio d'anni, nel pavese, si sta sperimentando l'opzione con il supporto dell'Università di Torino. Gli ettari coinvolti nel 2017 sono un centinaio, suddivisi in 25 aziende agricole. La sperimentazione sta avvenendo sia in regime biologico, sia convenzionale su undici varietà diverse. Qualunque sia la varietà, la tecnica non cambia, l'importante è che la varietà abbia come caratteristica la germinabilità elevata.

Capofila del progetto è l'azienda agricola La Bertolina. "L'idea dietro al trapianto - ha raccontato ad AgroNotizie Marco Zafferoni, risicoltore e consulente tecnico proprio de La Bertolina - è di accorciare il ciclo del riso e di essere in anticipo sullo sviluppo delle infestanti".

Le piantine di riso vengono coltivate in serra. Le serre sono fondamentalmente le stesse utilizzate per pomodori o peperoni. La pianta è pronta per essere trapiantata in campo, con una macchina di fabbricazione giapponese, ma che arriva dall'India, quando lo sviluppo radicale è sufficiente, solitamente dopo 12-13 giorni dalla semina.
"Il passaggio da serra a pieno campo avviene su terreno bagnato, intorno alla metà di giugno. In tre-quattro giorni la pianta, che è già alta 12-13 cm, si sarà ambientata. E' importante - ha sottolineato ancora Zafferoni - essere molto veloci e trapiantare il riso, fra il 12esimo e il 14esimo giorno dal momento in cui viene piantato. Se si supera tale periodo accestirà meno".
In campo si avrà quindi una pianta di riso già ben sviluppata, con un buon vantaggio sulle malerbe. Il controllo avverrà poi con sarchiatura meccanica.

"Uno dei vantaggi del trapianto è quello di avere il campo a disposizione fino a metà di giugno. Si potrà quindi procedere a numerose false semine con abbattimento delle infestanti, indebolendo così la banca semi. Questa tecnica offre un vantaggio notevole soprattutto sul riso crodo".

Per quanto riguarda i costi, il peso fondamentale, in questa fase di sperimentazione, riguarda il periodo in cui il riso cresce in serra.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 20 luglio a 131.960 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy