Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Manutenzione prevista per il 22 agosto I nostri siti non saranno raggiungibili fra le 9 e le 13
Una Mano per i Bambini

Biogas, protagonista del festival Ecofuturo

Abbattere le emissioni inquinanti, supportare la produzione di biometano e sviluppare tecnologie innovative. Gli obiettivi del Consorzio italiano biogas presentati al Fenice green energy park
biogas-centrale-by-vschlichting-fotolia-750.jpeg

Cibo, una strategica sinergia con altre fonti rinnovabili
Fonte foto: © vschlichting - Fotolia

"Il biogas ha cambiato profondamente il paradigma dell’agricoltura tradizionale, rendendola più sensibile ai temi della sostenibilità e attribuendole un nuovo ruolo nel contrasto ai cambiamenti climatici".
 
Così Piero Gattoni, presidente del Consorzio italiano biogas, è intervenuto durante Ecofuturo, il festival delle eco tecnologie e dell’autocostruzione che si è tenuto a Padova al Fenice green energy park; organizzato da Jacopo Fo, Fabio Roggiolani e Michele Dotti.
 
Il Cib ha preso parte al festival presentando le buone pratiche dei soci e illustrando i benefici dell’unico settore delle rinnovabili dal quale si possono ottenere più forme di energia: elettricità, biometano e calore.

Attualmente agli oltre 1500 impianti a biogas presenti sul territorio italiano corrisponde una potenza elettrica installata di circa 1200 MW. Con l’approvazione imminente di un nuovo decreto, il settore della digestione anaerobica potrebbe dar vita a una promettente produzione di biometano.
Il testo del nuovo decreto prevede un target al 2022 di 1 miliardi di metri cubi di biometano, sufficiente ad alimentare l’attuale parco di veicoli a gas naturale. La produzione potenziale potrebbe spingersi fino a un massimo potenziale di 8 miliardi di metri cubi entro il 2030.

A Ecofuturo sono state illustrate le possibilità di intervenire in tempi rapidi sull’abbattimento delle emissioni inquinanti del trasporto pesante: camion, trattori ma anche navi. Attraverso tecniche di conversione degli attuali motori diesel in motori dual-fuel con utilizzo di biometano liquido, sarebbe possibile ridurre drasticamente l’impatto ambientale del trasporto pesante senza la necessità di rinnovare il parco mezzi esistente.
 
"La digestione anerobica è un’innovazione in grado di rendere l’agricoltura più innovativa - spiega il presidente del Cib - Merita una traiettoria in grado di supportare la produzione di biometano per il greening della rete del gas e per lo sviluppo di tecnologie innovative come il power to gas, in grado di convertire la produzione di elettricità.
Per realizzare questi vantaggi è fondamentale salvaguardare il parco a biogas elettrico dalla fase di uscita dagli inventivi prevista tra il 2022 e il 2027, in aggiunta alla nuova piattaforma di sostegno per il biometano
". 

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 3 agosto a 131.904 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy