Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Agroalimentare, export a quota 40 miliardi di euro

Le stime di Nomisma Agrifood Monitor vedono per il 2017 una crescita del 6% rispetto al 2016. Ottime performance per vino, formaggi e salumi

agroalimentare-vino-formaggi-salumi-by-draghicich-fotolia-750.jpg

Vino, formaggi e salumi tirano la volata dell'export agroalimentare italiano
Fonte foto: © draghicich - Fotolia

La quota 40 miliardi di giro d’affari per l’export agroalimentare è ormai cosa fatta per il 2017, grazie alla crescita delle vendite di vino, salumi e formaggi, con valori in crescita mediamente fra il 7% e il 9%.
Una filiera importante che, dall’agricoltura alla ristorazione, vale il 9% del Pil italiano, con più di 130 miliardi di euro di valore aggiunto. Secondo le stime di Nomisma Agrifood Monitor, l’export agroalimentare dovrebbe infatti superare i 40 miliardi di euro di introiti grazie a una crescita superiore del 6% rispetto al 2016.

I mercati che stanno tirando la volata delle vendite italiane all’estero sono in particolare i paesi extra-Ue, pur rappresentando ancora meno del 35% del totale dell’export. Tra questi, in particolare, Russia e Cina, con variazioni negli acquisti di prodotti agroalimentari italiani, oltre il 20%, nonostante il loro peso continui a essere marginale sul totale dell’export.

L’aumento dell’export, unito a un consolidamento della ripresa dei consumi alimentari sul mercato nazionale, prefigura un 2017 all’insegna della crescita economica per le imprese della filiera agroalimentare – sottolinea Denis Pantini, responsabile dell'area agroalimentare di Nomisma – Dallo scoppio della recessione globale ad oggi il valore aggiunto della filiera agroalimentare italiana è cresciuta del 16%, contro un calo di oltre l’1% registrato dal settore manifatturiero e un recupero del 2% del totale economia, avvenuto in maniera significativa solamente a partire dal 2015”.

Dati sicuramente molto positivi che arrivano in un contesto come il settore agroalimentare ancora molto frammentato, con appena il 2% del totale delle imprese agroalimentari che superano i 50 addetti occupati. Rimane un’inferiore propensione all’export della nostra industria alimentare rispetto ad altri competitor (23% contro il 33% della Germania), che dimostrano il forte divario in termini di fatturato con la Francia (59 miliardi) e con i tedeschi (73 miliardi di euro di fatturato da export).

A livello regionale, fra le regioni italiane maggiormente “market oriented”, troviamo Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte, che esportano in valore il 60% del totale del fatturato di export agroalimentare made in Italy. Arranca il Sud, che, nonostante produzioni agroalimentari di qualità diffuse, incide sul totale del fatturato solo per meno del 20%.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 16 novembre a 133.856 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy