Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Prezzo del latte, Danone spedisce 5mila vacche in Siberia

La decisione è stata presa dal gruppo francese a seguito del blocco all'import di prodotti lattiero-caseari voluto dalla Russia nei confronti dei produttori europei

Tommaso Cinquemani di Tommaso Cinquemani

vacca-vacche-in-primo-piano-by-sgr-fotolia-750.jpeg

Le vacche siberiane forniranno il latte per la produzione in Russia
Fonte foto: © sgr - Fotolia

La cittadina di Tjumen' fu fondata nel 1586 come avamposto di Mosca in Siberia. Da qui nei secoli successivi partì la colonizzazione delle fredde terre nordiche. Ed è proprio qui che Danone ha deciso di inviare 5mila vacche da latte. La decisione è stata presa dal gruppo francese per assicurarsi una produzione di latte a prezzi stabili.

Nel 2014 infatti Mosca ha deciso un bando sui prodotti lattiero-caseari provenienti dall'Unione europea. Lo stop è stato deciso come ritorsione alle sanzioni che l'Unione europea ha approvato dopo l'invasione della Crimea da parte dell'esercito della Federazione. Lo sanno bene i nostri produttori di formaggi che si sono visti chiudere in faccia le porte del ricco mercato russo. A festeggiare sono stati invece gli agricoltori locali che senza concorrenza estera hanno potuto facilmente piazzare il loro latte non solo per il consumo fresco, ma anche per la produzione di formaggi.

E così il prezzo del latte ha iniziato a crescere tanto che dall'inizio dell'anno il listino ha segnato un +14%. Troppo per la controllata russa del gruppo Danone che così ha deciso di correre ai ripari. La società olandese Numico, sempre controllata dalla multinazionale francese, ha inviato 5mila vacche dai Paesi Bassi e dalla Germania alla volta della Siberia Occidentale, una terra fredda e inospitale ma ricca di petrolio e gas e con una economia in crescita.

"Il prezzo del latte sta salendo in maniera stabile in Russia. Questo mette alcuni prodotti come lo yogurt sotto pressione", ha spiegato a Bloomberg Charlie Cappetti, a capo dell'unità russa di Danone.
"Speriamo che la corsa dei prezzi abbia una frenata il prossimo anno". E se le condizioni di mercato non saranno favorevoli niente paura, la vacche europee, che entreranno in lattazione all'inizio del 2018, potranno fornire materie prime a prezzi stabili per la produzione di yogurt e di altri prodotti del gruppo Danone.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: import/export latte prezzi unione europea formaggi

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 16 novembre a 133.856 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy