Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Pac e reddito agricolo, più attenzione dall'Ue

E' questa la richiesta del presidente della Cogeca Thomas Magnusson espressa nel corso del Consiglio informale dei ministri agricoli tenutosi in Estonia

Matteo Bernardelli di Matteo Bernardelli

agricoltura-campo-campi-collina-by-daniele-pietrobelli-fotolia-750x253.jpeg

Thomas Magnusson: 'Occorre una Pac forte e competitiva in futuro'
Fonte foto: © Daniele Pietrobelli - Fotolia

Al Consiglio informale dei ministri agricoli dell'Unione europea a Tallinn erano presenti anche i rappresentanti del Copa Cogeca, i quali, a fronte di una estrema instabilità del mercato, hanno chiesto ai rappresentanti dell'Agricoltura degli Stati membri di prestare maggiore attenzione alle misure rivolte ad aiutare gli agricoltori a gestire meglio i rischi nell'ambito della Pac.

Per il presidente della Cogeca, Thomas Magnusson, "il reddito degli agricoltori al momento equivale al 40% del guadagno medio europeo e gli agricoltori devono affrontare sempre più difficoltà, come le condizioni climatiche avverse e le crescenti fluttuazioni del mercato. Inoltre, dovranno produrre molto più cibo in futuro per nutrire una popolazione in crescita, impiegando meno risorse".
Motivi per i quali, secondo Magnusson, "occorre una Pac forte e competitiva in futuro, con regole più semplici, davvero comuni e adeguati finanziamenti, per aiutare gli agricoltori e le loro cooperative a rispondere a queste sfide".

Delineando le misure, il presidente ha detto: "I pagamenti diretti nell'ambito della Pac vanno mantenuti nel Primo pilastro, in quanto questi aiutano gli agricoltori e le cooperative a gestire meglio i rischi legati al reddito. Le reti di sicurezza sul mercato vanno altresì mantenute e ulteriormente sviluppate. La convergenza e l'armonizzazione dei pagamenti diretti devono continuare. Inoltre, occorre concentrarsi anche su delle misure che aiutino gli agricoltori a gestire meglio i rischi del mercato, tramite lo sviluppo di mercati a termine, per affrontare la crescente volatilità del mercato".

"Le misure di gestione del rischio - uno dei temi più importanti dell'incontro di Tallinn - devono restare facoltative per i produttori e rimanere nel Secondo pilastro della Pac. In tal senso, le cooperative agricole possono ricoprire e ricoprono un ruolo importante nella gestione dei rischi legati al mercato per i propri membri, nonché nell'aiutarli ad avere una posizione migliore nella catena di approvvigionamento alimentare. Studi europei dimostrano che le cooperative agricole aiutano gli agricoltori a ottenere un prezzo migliore per la loro produzione. Per questo motivo, dobbiamo incoraggiare lo sviluppo delle cooperative agricole".

Con riferimento alle risorse, Magnusson ha respinto uno dei suggerimenti inclusi nel documento di riflessione della Commissione europea sul futuro bilancio europeo post-2020, che consiste nell'introdurre cofinanziamenti nazionali per i pagamenti diretti nel Primo pilastro della Pac, avvertendo che ciò "rischia di rinazionalizzare la Politica agricola comune".

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 16 novembre a 133.856 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy