Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Pomodoro, buona la produzione in Veneto

L'industria però fatica a ritirare il prodotto e la Coldiretti chiede l'etichettatura per tutelare il consumatore

pomodoro-da-industria-by-macondos-fotolia-750.jpeg

Coldiretti: 'Garantire al consumatore la possibilità di scegliere in modo consapevole è indispensabile per tutelare il made in Italy'
Fonte foto: © macondos - Fotolia

Il tipico ciclo produttivo di uno degli ortaggi più consumati nel territorio nazionale, di fatto, è stato stravolto da una stagione non troppo favorevole nella prima fase dell'ordinaria maturazione dei frutti, così da determinare un accumulo di prodotto proprio in queste ultime settimane, tra luglio ed agosto.

"Si tratta di un'annata del tutto inconsueta che aggiunge un'ulteriore preoccupazione al settore, già sofferente a causa della remunerazione sempre più bassa. Nel caso del pomodoro, i prezzi contrattati con l'industria sono in calo da anni, mentre i costi di produzione e, soprattutto, le difficoltà legate ai cambiamenti climatici, rendono sempre più ridotti i margini di profitto" commenta la Coldiretti.

"Eppure il comparto, nonostante un calo di superficie, conta ancora 36.707 ettari totali dei quali il 6,6% garantisce un raccolto certificato 'bio': un salto di qualità che premia gli orientamenti colturali praticati dagli agricoltori impegnati ogni giorno a tutelare la salute dei consumatori. Il Veneto è la quarta regione per superficie vocata (2.121 ettari concentrati nelle province di Rovigo, Verona, Venezia) dopo l'Emilia Romagna (24.866), la Lombardia e il Piemonte".

Quest'anno in particolare i produttori si vedono restituire camion di pomodori in quanto gli stabilimenti non riescono a lavorarlo, con un ulteriore danno, oltre al modesto valore pagato in campo. L'ennesima occasione, quindi, in cui a rimetterci è l'imprenditore agricolo.
Difficoltà a cui si aggiunge un altro problema, sul quale la Coldiretti da anni si batte: l'etichettatura dei trasformati.

"Garantire al consumatore la possibilità di scegliere in modo consapevole - aggiunge Coldiretti - è indispensabile per tutelare il made in Italy, ma al tempo stesso per non lasciar spazio a dubbi sul prodotto che si mette in tavola. L'etichettatura è l'unica soluzione per assicurare la trasparenza delle produzioni e permette di mettere la faccia sui prodotti senza dover temere confronti non alla pari, sia sul versante della qualità che della sicurezza alimentare".

Per la Coldiretti l'etichetta deve riportare obbligatoriamente la provenienza della materia prima impiegata per frutta e verdura trasformate, come i derivati del pomodoro.

Fonte: Coldiretti

Autore: G R

Tag: ortofrutta pomodoro etichettatura

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 21 settembre a 132.247 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy