Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

La geopolitica dell'agricoltura

L'Africa a dispetto delle fortissime potenzialità è uno straordinario importatore di cibo. Quale è il ruolo della Ue nella geopolitica del pane? L'opinione di Duccio Caccioni

Duccio Caccioni di Duccio Caccioni

agricoltura-africa-madagascar-by-dudarev-mikhail-fotolia-750.jpg

L'Africa ha una quantità enorme di terre coltivabili che sono oggetto di land grabbing
Fonte foto: © Dudarev Mikhail - Fotolia

La geopolitica è una disciplina scoperta dal grande pubblico italiano solo in tempi recentissimi. Esiste, ricordiamolo, anche una geopolitica agricola. Perché l’agricoltura, quindi il cibo, è un elemento altamente strategico e nella politica delle nazioni gioca un ruolo pari a quello delle fonti energetiche.

La scorsa settimana, tanto per fare un esempio, abbiamo pubblicato la notizia che l’Africa, secondo le previsioni Fao, aumenterà dell’11% le proprie importazioni alimentari arrivando alla strabiliante cifra di 41,3 miliardi di euro. Diciamo strabiliante dato che l’Africa ha una quantità enorme di terre coltivabili e irrigue che non a caso sono oggetto di accaparramento (il noto land grabbing) da parte di alcuni paesi – primo fra tutti la Cina - preoccupati della propria auto-sufficienza alimentare.

Il cibo può infatti essere un elemento fortemente destabilizzante: ricordate le recenti primavere arabe? Provocate prima che dalla fame di libertà dalla ancor più ancestrale fame di pane da parte delle classi più povere. La cosa non ci meravigliò: di fatto il Sud del Mediterraneo è storicamente il più grande importatore di grano del mondo e questi paesi sono legati al mercato alimentare mondiale quanto noi lo siamo a quello energetico.

E ora passiamo alla nostra Unione europea. Molti amici si meravigliano nel vedere non solo la Francia ma anche la Germania – di tante lunghezze sopra l’Italia come paesi esportatori agro alimentari (per la cronaca: ci sorpassano anche Olanda e Belgio – ma queste sono nazioni mercantili). Credete che Francia e Germania esportino solo champagne e vini della Mosella? Importantissimi mercati per i cereali, il latte e le carni franco-tedesche sono proprio l’Africa e il Sud Med.

E ora chiedetevi: perché la Ue negli ultimi venti anni ha fatto tante concessioni all’ortofrutticoltura della sponda Sud del Mediterraneo? O ancora: perché secondo gli accordi Acp (Africa Caraibi Pacifico – accordi sostenuti fortissimamente dalla Francia, di recente anche dalla Germania) molti paesi africani devono specializzarsi in colture da esportazione, dai prezzi sempre traballanti, e non tendere a una qualche autosufficienza alimentare?

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: export latte cereali land grabbing

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 16 novembre a 133.856 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy