Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Siccità, situazione grave in tutto il centro Italia

Anche se solo la Toscana ha dichiarato lo stato di emergenza, la mancanza d'acqua sta mettendo a dura prova quasi l'intero centro Italia, con perdite stimate fino al 40% della produzione. E se non piove la situazione è destinata a peggiorare

siccita-colture-carenza-idrica-by-matteo-giusti-agronotizie-jpg.jpg

Siccità, molte colture colpite in tutto il centro Italia
Fonte foto: © Matteo Giusti - AgroNotizie

Rimane grave la situazione della siccità in tutto il centro Italia. E se al momento solo la Toscana ha dichiarato lo stato di emergenza regionale e chiesto lo stato di calamità al governo, anche Lazio, Umbria e Abruzzo stanno facendo i conti con la grave carenza idrica e l'ondata di caldo.

Solo le Marche, tra le regioni centrali per ora non lamentano disagi eccessivi per la mancanza d'acqua.

Il presidente del Consorzio di bonifica delle Marche Claudio Netti e quello dell'assemblea del consorzio Michele Maiani, in una conferenza stampa hanno infatti detto che al momento non c'è allarme, visto i livelli dei bacini idrici regionali, ma che comunque è necessario controllare la situazione e arrivare a una gestione coordinata dell'acqua sul territorio per evitare che in futuro la situazione diventi insostenibile.

Ben diversa invece è la situazione nel Lazio, dove la ormai prolungata carenza idrica sta mettendo a dura prova le aziende agricole.

Secondo una stima di Coldiretti, tra il gelo di gennaio, i ritorni di freddo di aprile e la mancanza d'acqua, le perdite per il settore agricolo regionale hanno già portato a perdite di circa 15 milioni di euro nei primi sei mesi dell'anno.

A rischio le colture ortofrutticole, mentre la produzione di frumento risulta ormai danneggiata. Perdite pesanti, che al momento sono stimate in un calo del 40% della produzione agricola.

In crisi anche la zootecnia, con gli allevatori che iniziano ad avere carenze di foraggi.

Un problema, quello della scarsità di foraggi che è molto sentito anche in Umbria, dove rappresenta la problematica principale dovuta alla mancanza d'acqua.

Altra situazione grave è quella dell'Abruzzo dove a giugno le precipitazioni si sono praticamente azzerate facendo registrare una diminuzione del 94,1% rispetto all'anno scorso.

E questo con le temperature in aumento, con massime che nella prima decade di giugno sono arrivate a 27,5°C, una media di 3,5°C in più rispetto al giugno 2016.

A essere a rischio ora è soprattutto la produzione della Marsica, ma anche le altre zone della regione devono fronteggiare gli effetti della siccità.

Attualmente, secondo la Coldiretti regionale, le perdite vanno dal 20% al 30% della produzione, con un danno economico di circa 100 milioni di euro, ma le perdite potrebbero arrivare al 50% in agosto se la situazione meteorologica non cambia.

In crisi anche qui le coltivazioni di ortaggi in pieno campo, i frutteti, cereali e foraggi, ma nel caso la mancanza d'acqua continuasse, inizierebbero a subirne le conseguenze anche le viti e gli olivi.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 16 novembre a 133.856 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy