Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Registrati gratuitamente la tua agricoltura è online!
Una Mano per i Bambini

Siccità, in Campania il Consorzio di Bonifica Paestum resiste

Oltre a incrementare i turni di irrigazione, si inizia a riempire le vasche di accumulo per creare riserve per fronteggiare la crisi idrica

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

sele-in-magra-loc-pagliarone01giu2017consorziobonificapaestum.png

Il fiume Sele in magra nell'invaso irriguo che serve la Piana
Fonte foto: © Consorzio di bonifica Paestum

La lotta alla siccità in quella che per il Mezzogiorno d'Italia si preannuncia come un’estate all'asciutto, scrive oggi una pagina di organizzata resistenza.

In provincia di Salerno, nella Piana del fiume Sele, il Consorzio di bonifica e irrigazione di Paestum, che in sinistra idrografica dell'importantissimo fiume del Sud assicura alle popolazioni residenti anche una parte importante del rifornimento idropotabile, moltiplica gli sforzi per rendere meno duro il già salato conto degli agricoltori, severamente colpiti del perdurare del fenomeno: ponendo mano al riempimento delle vasche di accumulo nelle ore di massima pressione dell'acqua in rete irrigua, al fine di creare riserve per le prossime settimane. Intanto, oggi parte una gara di appalto per cercare altra acqua, ma ad alta profondità: ben 200 metri.

“Il commissario straordinario, Biagio Franza, ha disposto un incremento ragionato dei turni di erogazione, intensificando al contempo i controlli atti ad accertare un uso corretto e responsabile della risorsa idrica" è scritto in una nota del Consorzio di bonifica Paestum pervenuta oggi, 19 giugno 2017.

“Nelle ore in cui l’acqua giunge con maggiore potenza, il Consorzio ne riversa parte in serbatoi e vasche di accumulo, per poterla poi utilizzare, come preziosa riserva, nei periodi di massima necessità e crisi" è scritto ancora nella nota.

E proprio in questi giorni, il Consorzio sta ulteriormente potenziando l’impianto di sollevamento a Scigliati per aumentare la portata nella zona. Lavori che, in realtà, sarebbero dovuti iniziare già a gennaio di quest’anno, con il commissario straordinario che ha ordinato immediato impulso alla realizzazione del potenziamento.

Ma la vera svolta potrebbe arrivare dai "Lavori di consolidamento statico della galleria del ripartitore principale irriguo in sinistra Sele - Campo Pozzi", che prevede, proprio oggi 19 giugno 2017, il termine ultimo per la presentazione delle offerte: in uno stralcio dell’appalto di circa 800mila euro, infatti, è previsto non solo il potenziamento della rete idropotabile, ma anche la ricerca di nuove fonti di approvvigionamento idrico in località Castrullo di Campagna, in località Campo Fiorito di Serre ed a ridosso di Capaccio Capoluogo, dov’è stato localizzato un pozzo profondo circa 200 metri.

Secondo quanto riferisce la nota del Consorzio, completando le procedure di aggiudicazione definitiva della gara, "ad inizio settembre potrebbero così iniziare le ricerche idriche previste". Le indicazioni idrogeologiche sono favorevoli e "si spera effettivamente di trovare la risorsa in profondità".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Consorzio bonifica Paestum

Autore:

Tag: ambiente irrigazione siccità bonifica acqua Sos siccità 2017

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 22 giugno a 131.876 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy