Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Giovani agricoltori, parte l'esonero contributivo

Pubblicata dall'Inps la circolare con le istruzioni per richiedere di essere esonerati dal pagamento dei contributi previdenziali. Beneficiari i coltivatori diretti e gli Iap iscritti nel 2017 e quelli iscritti nel 2016 in zone montane o svantaggiate

giovane-giovani-agricoltore-campo-grano-by-dusan-kostic-fotolia-750.jpeg

L'Inps pubblica le istruzioni per l'esonero contributivo dei giovani agricoltori
Fonte foto: © Dusan Kostic - Fotolia

Con la circolare 85 dell'11 maggio 2017 l'Inps fornisce le istruzioni sull'esonero contributivo per i giovani agricoltori, annunciato a febbraio tra i provvedimenti previsti nella Legge di bilancio del 2017.

A beneficiare di questo provvedimento sono i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali, che abbiano iniziato una nuova attività imprenditoriale agricola nel periodo compreso tra il primo gennaio e il 31 dicembre 2017 e che non abbiano compiuto quaranta anni d'età alla data d'inizio della nuova attività imprenditoriale agricola.

Possono però essere ammessi al beneficio anche i giovani coltivatori diretti e gli Iap sotto i quaranta anni che abbiano iniziato una nuova attività agricola nel periodo compreso tra il primo gennaio 2016 e il 31 dicembre 2016 in territori montani o in zone svantaggiate così come definite dal Dpr 601/1973 e dalla Legge 984/1977.

Potranno beneficiare dell'esonero anche i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali con iscrizione provvisoria, fatto salvo il successivo controllo del possesso dei requisiti.

In ogni caso è fondamentale il concetto per 'nuova realtà imprenditoriale'. Viene infatti considerata come tale quella ulteriore e diversa rispetto ad altre eventualmente già esistenti, e l'Inps prevede controlli specifici per verificarlo.

L'esonero permette di non versare per intero il contributo relativo all'assicurazione generale obbligatoria, per la vecchiaia e per i superstiti per 36 mesi. L'esonero copre anche i contributi per maternità e i contributi Inali, questi ultimi dovuti solo per i coltivatori diretti.

Passati i 36 mesi, l'esonero è ridotto del 66% del contributo per altri 12 mesi e poi del 50% per un ulteriore periodo di un anno.

La domanda di esonero deve essere inoltrata all'Inps esclusivamente per via telematica tramite i moduli disponibili all'interno della pagina web Cassetto previdenziale per autonomi agricoli.

Qui sarà possibile scaricare la modulistica relativa alla richiesta di esonero per i giovani agricoltori iscritti nel 2017 (CD/IAP2017) e per quelli iscritti nel 2016 in zone montane e svantaggiate (ZM 2016 e CD/IAP ZS).

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 16 novembre a 133.856 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy