Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Registrati gratuitamente la tua agricoltura è online!
Una Mano per i Bambini

Grano duro, prezzi in caduta libera

A Foggia il fino ripiega a 195 euro all'ingrosso sui valori massimi. La Coldiretti, sul piede di guerra, chiede la Commissione unica nazionale in Puglia

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

agricoltura-lavoro-agricolo-campo-grano-raccolto-trattori-macchine-agricole-tyler-olson-fotolia-750.jpg

Le quotazioni flettono nonostante previsioni di semina del -7% per la campagna 2016/2017
Fonte foto: © Tyler Olson - Fotolia

Il prezzo del grano è in caduta libera. Ieri, 12 aprile 2017, sulla piazza di Foggia, la Borsa merci della Camera di commercio ha fissato i costi del grano duro fino poco sotto la soglia psicologica dei 200 euro alla tonnellata. I prezzi del grano di qualità migliore, calcolato all'ingrosso, franco partenza luogo di stoccaggio è stato infatti quotato a 190 euro sui valori minimi ed a 195 sui massimi. Ancora nella settimana precedente, aveva resistito a quota 200 euro sui massimi.
E Coldiretti Puglia è già sul piede di guerra.

Lo scorso anno, nella stessa data di oggi, 13 aprile 2016, lo stesso grano duro fino a Foggia quotava 243 euro la tonnellata sui valori minimi, spuntando sui massimi 248 euro, ed aveva già iniziato una fase discendente protrattasi fino al periodo della mietitura. Rispetto ai massimi in un anno il grano duro di miglior qualità ha perso il 21,37% del valore.

Il grano duro idoneo per ottenere una buona semola da pastificazione, con l'11,50% di tenore in proteine, del peso di 79-80 chilogrammi ogni 100 litri, umidità al 12%, chicchi spezzati massimi al 6%, farinosi 1%, bianconati fino al 35% e nulli allo 0,50, si avvia con queste quotazioni e con operazioni improntate alla calma verso il periodo di fine campagna commerciale della mietitura 2016.

Il prezzo non risente positivamente delle previsioni di semina, che raccontano un dato negativo intorno al 7% per la campagna 2016/2017, e sembra ancora riflettere invece un'annata agraria quantitativamente generosa, quella del 2016, dove però la qualità del grano duro italiano lasciò molto a desiderare. Argomento che giustificò, a detta di molini e pastifici, un moderato incremento delle importazioni.

Intanto si è riaccesa la protesta in Puglia per i prezzi del grano in forte calo.
Importazioni ininterrotte di prodotto estero, accordo Ceta tra Ue e Canada che preoccupa e non poco il mondo agricolo e la necessità della legge sull'etichettatura e della Commissione unica nazionale con sede in Puglia, sono stati gli argomenti discussi nel corso dell'assemblea organizzata dalla Coldiretti ad Altamura. Assemblea alla quale hanno partecipato, oltre ai rappresentanti delle istituzioni locali, il direttore della Coldiretti Bari Marino Pilati e il direttore della Coldiretti Puglia Angelo Corsetti.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: cerealicoltura prezzi mercati grano etichettatura cereali

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 22 giugno a 131.876 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy