Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Registrati gratuitamente la tua agricoltura è online!
Una Mano per i Bambini

Vinitaly 2017, cresce l'internazionalizzazione

La rassegna vitivinicola, in programma a Veronafiere dal 9 al 12 aprile, prevede una forte crescita di buyer e visitatori esteri. Focus sui mercati esteri e sull'innovazione digitale

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

vinitaly-immagine-repertorio-veronafiere.jpeg

In aumento gli arrivi di buyer esteri per la prossima edizione di Vinitaly
Fonte foto: © Veronafiere

E’ stata presentata a Roma, nella giornata di giovedì 16 marzo, la 51esima edizione di Vinitaly, in programma a Veronafiere dal 9 al 12 aprile 2017. La rassegna vitivinicola si conferma ancora una volta prima fiera del vino al mondo per superficie espositiva e numero di operatori esteri.

Vinitaly 2017 sarà la capitale della nuova Politica agricola comune – ha sottolineato nella conferenza stampa di presentazione il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina è un’occasione imperdibile per riscrivere le linee a sessant’anni dai Trattati di Roma costitutivi della Comunità economica europea, con la presenza del commissario europeo per l’Agricoltura Phil Hogan.
Chiediamo quindi in particolare all’esperienza vitivinicola italiana di essere protagonista di questa riflessione. A Vinitaly porteremo il Testo unico del vino, e daremo spazio alla discussione presentando il primo pacchetto attuativo.
Anche sul registro vinicolo digitale la sfida è decisiva e va seguita con grande attenzione nelle prossime fasi. E’ un cambio di prospettiva che dovrà essere un processo collettivo
”.

Il prossimo Vinitaly seguirà il percorso di crescita e sviluppo delineato nel 2016 in occasione del 50esimo anniversario, grazie al piano industriale adottato con la trasformazione in Spa di Veronafiere.
Il nuovo piano da 94 milioni di euro di investimenti al 2020 ha analizzato attentamente le dinamiche del mercato fieristico mondiale, europeo e italiano – sottolinea il presidente di Veronafiere Maurizio Danese Per il settore wine and food, il progetto prevede una crescita mirata all’estero e nuovi servizi per l’internazionalizzazione delle imprese del settore, con focus su Stati Uniti e Cina”.

Internazionalizzazione, occasioni di business e innovazione digitale sono le tre leve su cui si baserà ancor di più la prossima edizione della rassegna.
Per raggiungere gli obiettivi prefissatici ci stiamo attrezzando anche dal punto di vista tecnologico – spiega Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere – questa edizione di Vinitaly inaugura un progetto pilota di digital transformation che coinvolgerà alcune migliaia di buyer esteri, durante il quale saranno sperimentate soluzioni 4.0”.

La priorità rimane comunque l’internazionalizzazione del business. A inizio marzo i nuovi buyer esteri registrati sono duemila, con i nuovi arrivi che provengono in particolare da Usa, seguiti da Cina e Hong Kong. Aumentano le presenze anche da Taiwan, Brasile, e nonostante Brexit, anche dal Regno Unito. Già fissati in agenda per la prossima edizione cinquemila incontri b2b con gli operatori esteri selezionati dalle attività di incoming congiunte, supportate dalla collaborazione di Veronafiere con l’agenzia Ice, grazie al piano di promozione del made in Italy promosso da Mise e Mipaaf.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: VeronaFiere

Autore:

Tag: vino viticoltura export mercati vinitaly made in italy vitivinicoltura Vinitaly 2017

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 27 aprile a 131.981 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy