Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Ogm, dal Tar del Lazio un altro no

La sentenza conferma la validità del decreto che vieta la semina in Italia di organismi geneticamente modificati. Soddisfatte le numerose associazioni che si erano schierate contro il ricorso

mais-pannocchia-campo-by-patrick-fotolia-750x500.jpeg

Il nuovo stop alla coltivazione di mais Mon 810 è stato accolto positivamente da Città del Vino e altre associazioni
Fonte foto: © patrick - Fotolia

Accogliamo con grande soddisfazione questa sentenza, che conferma la validità del decreto che vieta la semina di Ogm in Italia e contribuisce così ad arginare i rischi derivanti dall'inquinamento del patrimonio genetico delle nostre coltivazioni e dall'introduzione di diritti e brevetti che minerebbero ulteriormente il già fragile equilibrio produttivo delle nostre campagne".

Parole di Pietro Iadanza, presidente dell'Associazione nazionale Città del Vino, nel commentare lo stop del Tar del Lazio al ricorso n. 10302 dell'Azienda agricola In Trois di Arba (Pn), che aveva impugnato il divieto di coltivazione di varietà di mais Mon 810 proveniente da sementi geneticamente modificate, così come stabilito dal Regolamento CE n.178/2002.

Accogliendo le linee difensive dell’Avvocatura dello Stato e delle associazioni resistenti - Coldiretti, Codacons, Slow Food Italia, Legambiente, Greenpeace, Associazione nazionale Città del Vino, Associazione italiana per l'agricoltura biologica, Federbio, Fondazione Univerde e Associazione sementieri mediterranei - il Tribunale amministrativo ha sottolineato l’ampiezza delle motivazioni dirette ad evidenziare le conseguenza negative per l’ambiente derivanti dalla diffusione del mais Ogm. Resta, quindi, in piedi il decreto interministeriale che vieta la semina di organismi transgenici nei campi italiani.

"E' un passaggio importante nella direzione di quanto da sempre sostenuto con forza dalla nostra associazione, promotrice nel 2003 della campagna dei Comuni Ogm Free, impegnata da anni nella Task Force per un'Italia libera da Ogm e in questa occasione in prima linea nel fronte degli oppositori al ricorso" ha spiegato Iadanza.

"Una posizione, quella delle Città del Vino, di totale chiusura agli Ogm - ha concluso il presidente Iadanza - data l’impossibilità della coesistenza tra agricoltura tradizionale e quella geneticamente modificata, soprattutto in sistema agricolo come il nostro che ha il suo tradizionale punto di forza nella ricchezza della biodiversità e nel rapporto con il territorio”.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 16 novembre a 133.856 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy